HomePage | Archivio completo


Venezia 71 made in Italy

In laguna il grande cinema internazionale con le star più amate di Hollywood


di Redazione FilmUP.com19 settembre 201413:23



Venezia 71 made in Italy Da ormai ben settantuno edizioni la Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia chiude la nostra estate, portando in laguna tanto glamour, star internazionali e anche cinema d'autore.
Sul red carpet veneziano quest'anno abbiamo potuto ammirare star hollywoodiane come la bellissima e talentuosa Emma Stone, Michael Keaton e Alejandro González Iñárritu, rispettivamente protagonisti e regista del film d'apertura "Birdman", il mito vivente Al Pacino, interprete di ben due pellicole, "The Humbling" e "Manglehorn", e la radiosa e affascinante Milla Jovovich in attesa del suo secondo figlio che ha sfilato per "Cymbeline".
Quello che colpisce particolarmente quest'anno, però, è la massiccia presenza di produzioni italiane, già a partire dai tre interessanti film in concorso e che presto arriveranno al cinema: "Anime nere" di Francesco Munzi, "Hungry Hearts" di Saverio Costanzo (i cui protagonisti hanno vinto entrambi la Coppa Volpi) e "Il giovane favoloso", firmato da Mario Martone, già autore di Noi credevamo, presentato proprio al Lido nel 2010. In "Anime nere", come in un western ambientato ai giorni nostri, prende vita l'avvincente storia di una famiglia criminale calabrese. Di famiglia si parla anche in "Hungry Hearts" con la coppia composta da Jude e Mina, americano lui italiana lei. Due giovani che si conoscono, si innamorano e si sposano. Le loro vite cambiano radicalmente quando nasce il loro bambino e Mina si convince di doverlo proteggere ossessivamente da tutto. Nei panni di Mina una delle attrici italiane più capaci, Alba Rohrwacher, vincitrice proprio al Festival del premio Pasinetti nel 2010 e nel 2013 con, rispettivamente, "La solitudine dei numeri primi" e "Via Castellana Bandiera". Infine, "Il giovane favoloso", interpretato da un convincente Elio Germano, è incentrato su una delle figure più interessanti e affascinanti della nostra letteratura, il poeta Giacomo Leopardi, autore di capolavori come Il sabato del Villaggio, L'infinito e A Silvia.
Ma la presenza degli italiani non si esaurisce con le tre pellicole in concorso; infatti sono numerose le produzioni nostrane anche in sezioni collaterali, a partire da film fuori concorso come "Perez.", "Italy in a Day - Un giorno da italiani", edizione italiana di un progetto di Ridley Scott firmato da Gabriele Salvatores, Senza nessuna pietà con uno straordinario Pierfrancesco Favino nei panni di Mimmo e La trattativa di Sabina Guzzanti, che, come sempre, è riuscita a suscitare un vespaio con i temi scottanti che porta sul grande schermo. In questo caso La trattativa del titolo è quella tra stato e mafia. Ha fatto discutere anche la pellicola con l'affascinante Isabella Ferrari presentata nella sezione Orizzonti, "La vita oscena", che racconta il percorso di formazione di un ragazzo che attraversa, in un mondo allucinato, traumi e dolori, spingendosi a cercare la morte come il suo poeta preferito, per poi arrivare alla rinascita. Sempre la sezione Orizzonti ospita il documentario "Belluscone - Una storia siciliana, mentre le Giornate degli autori hanno in programma "I nostri ragazzi, diretto dal regista Ivano De Matteo, che vanta un cast interessante comprendente Alessandro Gassman, Luigi Lo Cascio e Giovanna Mezzogiorno. Protagoniste della storia raccontata da De Matteo sono le famiglie di due fratelli che, come ogni anno, seguono un rito: riunirsi e mangiare in un ristorante di lusso. Sono incontri vuoti però, dove la conversazione si mantiene superficiale. Ma quest'anno tutto cambia dopo che delle telecamere di sicurezza riprendono una bravata dei rispettivi figli e l'equilibrio delle due famiglie va in frantumi, costringendoli per la prima volta ad uscire dal vuoto rapporto e dalla superficiale armonia che li univa. Per concludere, sempre alle Giornate degli autori, anche la pellicola di Felice Farina, "Patria", che racconta gli ultimi trent'anni della vita del paese attraverso le parole di tre uomini, estremamente diversi tra loro, che, per protesta, passano la notte in cima alla torre di una fabbrica.



Le ultime dal mondo del cinema.
La gestione della pandemia in Inghilterra diventa una serie tv
Il Fantasma dell’Opera: In arrivo una miniserie dai produttori di Narcos
L’assistente della star: Arriva al cinema la nuova commedia di Nisha Ganatra
The Others: Il classico dell’horror potrebbe diventare una serie tv
The Rookie: La terza stagione sarà dedicata alle violenze della polizia
Arriva Sonic – Il film in alta definizione
Gerard Butler protagonista di Kandahar diretto da Ric Roman Waugh
Tenet: Il thriller di Christopher Nolan sbarca in Italia il 3 agosto

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Il colore della libertà (2020), un film di Stephen Chbosky con Ben Platt, Amy Adams, Julianne Moore.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: