FilmUP.com > Opinioni > The black Dahlia
HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


The black Dahlia

Opinioni presenti: 77
Media Voto: Media Voto: 5 (5/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale: interviste.

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



Confezione pregiata ma che lascia insodisfatti

(1/10) Voto 1di 10

Noir ambientato nella Hollywood anni '40, tratto da una storia vera e dall'omonimo romanzo di Ellroy. De Palma confeziona un film patinato in cui fanno bella mostra colori slavati e abiti demodè. Costruisce la storia abbastanza linearmente ma non riesce a darle un buon ritmo, anzi si addormenta in molti punti in cui lo spettatore che non abbia letto il libro non riesce a seguire la trama. Come sempre nei libri di Ellroy il numero dei personaggi, mischiati tra realtà e finzione, si moltiplicano e trovano difficilmente forma nel grande schermo, dove ad ognuno è dedicato pochissimo tempo. L'operazione era riuscita bene con "L.A. confidential", riesce molto peggio in questo caso. Alla fine rimane un film dalla confezione pregiata ma che lascia insoddisfatti.



Dario, 23 anni, Botticino (BS).




Un enorme delusione

(1/10) Voto 1di 10

Sono questi i termini con cui si può definire, volendo essere buoni, questo film. The Black Dalia fa acqua da tutte le parti, non lo si può negare, a maggior ragione se si è estimatori del romanzo di Ellroy. Le premesse e gli spunti per relizzare un ottimo film c’erano tutte, ma sono state o tralasciate o travisate. S. Johansson, J. Hartnett e H. Swank sono completamente fuori parte: la prima scade nella macchietta, il secondo risulta completamente immaturo sia per doti che per aspetto, e la terza recita un ruolo che per nulla le si addice. A. Eckart compie bene il suo lavoro, risultando fin troppo bravo al confronto degli altri, e M. Kirshner purtroppo la si vede solo in qualche minuto. Non si capisce del resto perché per interpretare il ruolo di una donna praticamente identica alla Dalia sia stata scelta H. Swank, che fisicamente c’entra ben poco con M. Kirshner. Nemmeno i comprimari fanno bella figura: basti vedere il grottesco e caricaturale della madre del personaggio di H. Swank. La Los Angeles del ’47 rievocata dal film scade pienamente nel clichè, più che tentare di essere un noir. Rispetto al libro il personaggio di Lee Blanchard (A. Eckart) ha un seguito diverso, senza rivelare nulla a chi il film non l’ha ancora visto, perdendo per strada tematiche valide che avrebbero accentuato nello spettatore la suspence e il dubbio sul coinvolgimento del personaggio negli accadimenti. Per non parlare di un finale inspiegabilmente cambiato, che pretende di essere l’epilogo di un’intricata vicenda che anche chi ne è già a conoscenza si ritrova disorientato. Il lavoro peggiore è stato quello dello sceneggiatore che adattando il testo per la pellicola non si preoccupa di toccare tematiche fondamentali che nel libro emergono: la necrofilia, l’ossessione (nel film praticamente immotivata) dei due poliziotti per il caso, i problemi di droghe di Lee, il coinvolgimento di alcuni poliziotti, etc.. Ma nemmeno De Palma ne esce a testa alta, ormai caricatura di se stesso, riprende con inutili pianisequenza e soggettive che fanno rimpiangere i capolavori precedenti. Ovviamente passando dal libro al film è impossibile non tralasciare alcuni elementi, ma la strada qui intrapresa lascia molto da pensare e irrita: "L.A. Confidential" dovrebbe essere un romanzo molto più complesso, ma la sua trasposizione cinematografica, con le dovute semplificazioni, è un prodotto di livello di molto superiore. The Black Dahlia risulta difficile da apprezzare per chi il romanzo non l’ha letto, mentre offende chi ne è rimasto attratto. E una cosa così da un regista autore di capolavori come "Scarface" e "Carlito’s Way" non è accettabile né giustificabile in alcun modo.



Rosario, 38 anni, Lecce.




Peggio di pessimo

(2/10) Voto 2di 10

Questo film fa veramente schifo: La storia è molto confusionale e, come se non bastasse, di una lentezza estenuante: non riesce mai a decollare, e la noia quindi presto prende il sopravvento. Chi dice che questo film è bello lo fa solo per atteggiarsi ad intenditore. Evitatelo come la peste. A quanto pare De Parlma ha fatto il suo tempo.... Vorrei dare 1 ma, visto che gli attori non sono malaccio, sarò generoso e assegnerò un bel 2.



Dario Vescovi, 26 anni, Parma (PR).




L e n t ooooooooooooooo

(2/10) Voto 2di 10

E' stata la prima volta in cui ho avuto la tentazione di togliere il dvd... snervante, troppo lento... e neanche la storia mi è piaciuta... metto 2 per pietà.



Elena, 20 anni, Firenze.




The black movie

(1/10) Voto 1di 10

Decisamente il film più brutto che io abbia mai visto.Dopo il primo quarto d'ora volevo scappare ma ho resistito ma alla prima mezz'ora mi sn addormentato nel divano.Film orribile storia banale,anche se con ottimi attori.Do un 1 più che meritato. Mi dispiace per Scarlett Johannson.



Mauro, 14 anni, Caltagirone (CT).





Sfoglia indietro   pagina 1 di 16   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale: interviste.



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Le otto montagne (2022), un film di Felix van Groeningen, Charlotte Vandermeersch con Luca Marinelli, Alessandro Borghi, Filippo Timi.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: