Lontano dal paradiso
Todd Haynes (Velvet Goldmine) ci catapulta nell'America anni cinquanta dei film di Douglas Sirk (Secondo Amore) mostrandoci la perfetta famiglia "upper-class": i Whitaker.
Frank (Dennis Quaid / The Rookie), dirigente delle vendite di un'importante industria di elettrodomestici, Cathy (Julianne Moore / Un Marito Ideale), sua moglie e due bei figlioli, un maschio ed una femmina ovviamente. Frank è un uomo molto impegnato, ma questo non è assolutamente un problema, perché Cathy non solo organizza la casa come un orologio, ma riesce a trovare il tempo per intrattenere tutte le relazioni sociali di buon vicinato necessarie ad avere una vita da vetrina nella bigotta provincia americana dell'epoca.
Sotto lo smalto della perfezione di una casa-bomboniera e di vestiti sempre coordinati, si cela un groviglio di emozioni represse. Il rapporto tra Cathy e Frank è in profonda crisi a causa dell'omosessualità di quest'ultimo. Cathy, tra l'altro non ha il coraggio di confidarsi con le sue amiche sapendo che diventerebbe il pettegolezzo preferito della città. Disperata trova inaspettatamente una spalla su cui piangere nel suo giardiniere, di colore, Raymond (Dennis Heysbert / Il Tredicesimo Piano), ovviamente questo non fa che peggiorare le cose, facendo gridare allo scandalo per una presunta relazione interraziale tra i due.

La storia propostaci da Todd Hayes, in realtà non che un pretesto per confezionare questo omaggio al cinema anni cinquanta. Sembra una sorta di "Pleasantville" a colori con la differenza che qui non abbiamo soltanto l'ambientazione del periodo, ma anche i caratteri dei protagonisti in puro stile "fifties" e l'ossessionate colonna sonora che sottolinea ogni più piccolo evento. Interamente girato in studio e con luce rigorosamente artificiale ripropone tutti i particolari tipici dell'epoca. La casa perfettamente coordinata con il giardino, il box, l'auto station wagon per lei e berlina per lui. La colf di colore sempre silenziosa, ma attenta, l'immancabile scala che porta al piano di sopra e che serve come divisione nei momenti di contrasto tra i protagonisti e poi le camere da letto separate. La Moore è una perfetta Doris Day con i suoi modi pacati e artificialmente premurosi, che la sera, davanti alla toletta, parla della sua giornata con il marito prima di andarsi a coricare nella stanza accanto (ovviamente perfettamente truccata).
E' una storia al femminile che attraversa il tema del razzismo e del conflitto familiare; sarebbe potuta essere facilmente ambientata ai giorni nostri, senza perdere un briciolo della sua attualità. Alla fine l'unica vittima è Cathy incapace di abbandonare il suo perbenismo per inseguire una felicità che si è a lungo negata.
Vittima del disdoro di chi a circonda resta immobile, immutabile di fronte alla possibilità di cambiare, un po' come tutti noi incapaci spesso di abbandonare la comoda familiarità delle nostre abitudini.

Un'ultima importante annotazione questo film che denuncia l'America degli anni cinquanta, che il regista paragona alla Cina di Mao per la sua reale mancanza di libertà, non è per tutti, molti lo potrebbero trovare noioso, specialmente in questo periodo dominato dalla frenesia dell'azione, ma per capirne il reale significato bisogna apprezzarne i lati che vanno oltre il semplice "plot".

La Chicca:
la sequenza d'apertura iniziale è quella di Secondo Amore di Douglas Sirk.

Curiosità:
quando Cathy vuole lasciare la mostra d'arte dice che deve far pulire i tappeti, quali? Non ne ha nemmeno uno in casa.

Indicazioni:
Per tutti i nostalgici.

Valerio Salvi

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, DVD, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale




I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Warning: main(/www/filmup/includes/strillo_tv20200708.php): failed to open stream: No such file or directory in /www/filmup/includes/template/curiosita/ultime_curiosita.php on line 20

Fatal error: main(): Failed opening required '/www/filmup/includes/strillo_tv20200708.php' (include_path='.:/apps/php_apache/lib/php') in /www/filmup/includes/template/curiosita/ultime_curiosita.php on line 20