FilmUP.com > Opinioni > La frode
HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


La frode

Opinioni presenti: 7
Media Voto: Media Voto: 7.5 (7.5/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



La vera frode è il finale....

(6/10) Voto 6di 10

Un film gradevole che mi ha attratto progressivamente malgrado lo stessi vedendo su TV (non vedo mai film sulle TV commerciali impestate di pubblicità...) grazie al suo ritmo ed alla sua suspence incalzanti. Mi è piaciuto perché durante il film non si riesce mai a delineare con chiarezza chi è la vittima e chi il carnefice. E' lo specchio di una società "malata" dove anche i "buoni" (i tutori della legge, ad esempio) agiscono scorrettamente, mossi non da una voglia assoluta di giustizia ma da uno strano arrivismo, non diverso da quello del capitalista (Gere) che ambisce ad ad aumentare sempre di più i profitti in una ricerca di un potere "divino" che gli consenta di fare soldi in quantità smisurata (mi riferisco al discorso con la figlia). Una società in cui anche la famiglia perde progressivamente il valore dei principi su cui è basata. La moglie (Sarandon) 'accetta' il tradimento del marito finché non le capita l'occasione buona per fargliela pagare, la figlia che pur non condividendo il modo di essere e di pensare del padre alla fine fa buon viso a cattivo gioco e di il padre, anzi il Patriarca, che con i suoi pregi ed i suoi difetti va avanti per la sua strada, perché il capitalismo, di cui lui è il simbolo, non ambisce ad essere buono o cattivo, il capitalismo in America è solo necessario. E' naturale che in uno scenario del genere non c'è una fine e non mi ha sorpreso più di tanto il finale troncato, ma il mio voto è basso solo perché i film che finiscono così mi hanno sempre lasciato un po' deluso. Credo si potesse comunque fare meglio. PS. Per certi versi mi ha ricordato il film "Finché c'è guerra c'è speranza" dove un fantastico Alberto Sordi faceva il trafficante d'armi. Tutti i familiari scandalizzati ed indignati per questa attività immorale, ma alla fine, messi di fronte alla scelta tra un una moralità più alta ed un tenore di vita elevato, nessuno ha avuto dubbi sui cosa fosse più conveniente, sebbene cinico, ed ognuno trova modo di far tacere la propria coscienza in virtù di un vantaggio economico. Il tema era simile a quello del film "La Frode" ma la conclusione più elaborata e diretta. L'avrei preferito. Tiziano



Tiziano, 52 anni, Tatonetti (PE).




il capitalismo svuota le relazioni

(8/10) Voto 8di 10

se pur la storia non sia originale e piena di contenuti, risulta piacevole il punto di vista narrativo che permette di seguire con trasporto le emozioni del protagonista più che l'avvicendarsi della storia. il finale aperto/troncato è adatto al tipo di vita del protagonista...cioè fatta di vuoti (familiari, relazionali e umani) e per sua natura circolare. come inizia nella menzogna, finisce nella menzogna.



Alessandra e Matteo, 28 anni, milano (MI).




Un bel film ottimamente interpretato

(8/10) Voto 8di 10

Come da titolo il fil scorre bene e ti tiene incollato fino alla fine. Gere finalmente torna in ottima forma come non si vedeva da tempo. Da vedere.



antonio, 38 anni, palermo (pa).




Buon film

(8/10) Voto 8di 10

La sceneggiatura non e' delle piu' originali, tratta di cose gia' viste e inflazionate, tuttavia gli attori del calibro di Gere e Sarandon riescono a renderlo un film godibile e intrigante per tutta la sua durata. Troppo forzata la troncatura finale. E' chiaro che l'effetto inaspettato e' voluto, ma e' altrettanto chiaro che non aveva senso secondo me lasciare un finale aperto.



Pier, 43 anni, Senigallia (AN).




bel film

(8/10) Voto 8di 10

Bel film, ben recitato dai protagonisti. Gere è a proprio agio nel personaggio e recita con grande padronanza. Ottima la performance anche di Tim Roth nel ruolo del duro detective e di Susan Sarandon che riesce a dare al personaggio grande credibilità. La trama è senza fronzoli è con un buon ritmo che non lasci spazi vuoti o interlocutori. A me è piaciuto.



Vincenzo, 52 anni, milano (MI).





Sfoglia indietro   pagina 1 di 2   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Le otto montagne (2022), un film di Felix van Groeningen, Charlotte Vandermeersch con Luca Marinelli, Alessandro Borghi, Filippo Timi.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: