La versione di Barney
Tratto dall'omonimo romanzo di Mordecai Richler, La versione di Barney racconta quarant'anni di un personaggio letterario molto poco convenzionale, scomodo e politicamente scorretto.

Chi è Barney Panofsky? A un primo sguardo si potrebbe tranquillamente dire che non è una "bella persona". È arrivista, egocentrico ed egoista; agisce sull'impulso del momento e ha la convinzione di essere dalla parte della ragione. Eppure, anche in questo non riesce a essere completo perché comunque si lascia arrovellare da dubbi, sensi di colpa e di inadeguatezza, da una sorta di tristezza esistenziale che guida ognuna delle sue azioni, dalla più nobile alla più scellerata. Nessuno più di Paul Giamatti, il "sad sack" del cinema statunitense poteva riuscire meglio a portare sullo schermo un personaggio così complesso. La versione di Barney cinematografica si regge in gran parte sul contributo di questo attore tanto straordinario quanto francamente sottoutilizzato per le sue capacità.
Per trovare un altro ruolo alla sua altezza dobbiamo andare indietro fino a Sideways e al suo indimenticabile Alexander Payne. Nel ruolo di Barney, Giamatti trova il modo di esprimersi pienamente, la sua interpretazione è di grande potenza in ognuna delle epoche in cui il personaggio è rappresentato dal film, sia negli anni giovanili, di ambientazione romana, sia negli anni crepuscolari dell'Alzheimer. Il resto del cast è più che all'altezza della situazione, possiamo trovare uno straordinario Dustin Hoffman nella parte del padre di Barney e nelle pieghe dei molti eventi della pellicola possiamo persino individuare un cameo di David Cronemberg nei panni stretti del regista televisivo.

Con la sua durata di più di due ore il regista Richard J. Lewis costruisce un'autentica epopea privata intorno a Barney, in cui non trova alcuno spazio la "storia ufficiale" e in cui non c'è posto per altro punto di vista che non sia quello del protagonista. Un film a suo modo gradevole e profondo che parla della vita, velato di tristezza e improvvisamente illuminato da bagliori di felicità, come un lungo viaggio percorso in compagnia di Paul Giamatti. Un viaggio che è consigliabile effettuare.

La frase: "Non penso che la sposa sarebbe d'accordo!".

Mauro Corso

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale: interviste.














I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Vulnerabili (2017), un film di Gilles Bourdos con Alice Isaaz, Vincent Rottiers, Grégory Gadebois.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: