FilmUP.com > Opinioni > BlacKkKlansman
HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


BlacKkKlansman

Opinioni presenti: 3
Media Voto: Media Voto: 8.5 (8.5/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



attenti all'uomo nero

(9/10) Voto 9di 10

Attenzione all’uomo nero…. E non solo Nel 1978 a Colorado Springs, nel commissariato di polizia locale, è presente un solo agente di colore: Ron Stallworth. Ron viene spostato quasi immediatamente dall’archivio al lavoro sotto copertura e da una sua intuizione nasce un’indagine che farà infiltrare il suo collega Philippe all’interno del Ku Klux Klan. Ron è la voce telefonica che contatta gli associati del Klan, mentre Philippe colui che fisicamente si espone perché di pelle bianca. L’indagine, fra rischi e pericoli, procede fino a quando David Duke, gran maestro del Klan e in ascesa nel mondo della politica, non arriva in città per il rito d’iniziazione dei nuovi iscritti. L’ultima pellicola di Spike Lee saccheggia a piene mani dalla biografia dell’ex poliziotto Ron Stalleworth, e dalla sua avventura come infiltrato telefonico fra le pieghe del movimento suprematista della razza bianca ovvero il Klan, questo prima dello scioglimento ufficiale a causa della bancarotta che lo colpì nei primi anni ‘80. Il lavoro politico che è alle spalle di questo inno al cinema e alla cultura di colore, ma che prende il via dallo stesso odio che può colpire anche altre minoranze, è un opera certosina fondata sullo humour creatosi da situazioni che di comico non avrebbero nulla, come le continue conversazioni telefoniche che coinvolgono Ron e il gran maestro del Klan: David Duke, certo di riuscire a capire se la persona con cui parla è di pura razza ariana solamente grazie all’inflessione della voce dell’interlocutore. Dall’altro lato Lee riesce a mostrarci come non vi siano poi grandi differenze fra persone di origine etnica diversa, basta infatti analizzare i legami di cameratismo che progressivamente Ron genera con parte dei suoi colleghi e con il movimento studentesco di colore, o l’odio che scorre indifferentemente alle riunioni del KKK o agli incontri dei leader politici afroamericani. John David Washington aggiunge, a una pellicola dal ritmo incalzante nonostante le oltre due ore di durata, un agente Stallworth senza particolari apici interpretativi ed è forse questa l’unica sbavatura in un film che invece riesce a trovare in Adam Driver un protagonista vincente: un infiltrato credibile e un uomo di origine ebraica che improvvisamente si trova catapultato in un mondo che lo odia esattamente come il suo collega Ron. Un’altra piacevole scoperta è il David Duke impersonato da Topher Grace, ovvero un politicamente moderato dietro al quale si nasconde un iscritto al partito nazista americano e che fra le mura solide e bianche di una villa di periferia e di fronte ad un pubblico debitamente selezionato, non nega mai la legittimità delle sue convinzioni suprematiste. Una pellicola che narra una storia tanto assurda quanto vera, un calcio ben assestato, senza nemmeno troppi giri di parole, all’America di oggi: il film si conclude difatti con le riprese degli scontri di Charlottesville e con i commenti a caldo sia del presidente Trump ma anche del redivivo Duke.



CIRO ANDREOTTI, 47 anni, Bologna (BO).




Attenzione All'uomo Nero

(9/10) Voto 9di 10

Nel 1978 a Colorado Springs, nel commissariato di polizia locale, è presente un solo agente di colore: Ron Stallworth. Ron viene spostato quasi immediatamente dall’archivio al lavoro sotto copertura e da una sua intuizione nasce un’indagine che farà infiltrare il suo collega Philippe all’interno del Ku Klux Klan. Ron è la voce telefonica che contatta gli associati del Klan, mentre Philippe colui che fisicamente si espone perché di pelle bianca. L’indagine, fra rischi e pericoli, procede fino a quando David Duke, gran maestro del Klan e in ascesa nel mondo della politica, non arriva in città per il rito d’iniziazione dei nuovi iscritti. L’ultima pellicola di Spike Lee saccheggia a piene mani dalla biografia dell’ex poliziotto Ron Stalleworth, e dalla sua avventura come infiltrato telefonico fra le pieghe del movimento suprematista della razza bianca ovvero il Klan, questo prima dello scioglimento ufficiale a causa della bancarotta che lo colpì nei primi anni ‘80. Il lavoro politico che è alle spalle di questo inno al cinema e alla cultura di colore, ma che prende il via dallo stesso odio che può colpire anche altre minoranze, è un opera certosina fondata sullo humour creatosi da situazioni che di comico non avrebbero nulla, come le continue conversazioni telefoniche che coinvolgono Ron e il gran maestro del Klan: David Duke, certo di riuscire a capire se la persona con cui parla è di pura razza ariana solamente grazie all’inflessione della voce dell’interlocutore. Dall’altro lato Lee riesce a mostrarci come non vi siano poi grandi differenze fra persone di origine etnica diversa, basta infatti analizzare i legami di cameratismo che progressivamente Ron genera con parte dei suoi colleghi e con il movimento studentesco di colore, o l’odio che scorre indifferentemente alle riunioni del KKK o agli incontri dei leader politici afroamericani. John David Washington aggiunge, a una pellicola dal ritmo incalzante nonostante le oltre due ore di durata, un agente Stallworth senza particolari apici interpretativi ed è forse questa l’unica sbavatura in un film che invece riesce a trovare in Adam Driver un protagonista vincente: un infiltrato credibile e un uomo di origine ebraica che improvvisamente si trova catapultato in un mondo che lo odia esattamente come il suo collega Ron. Un’altra piacevole scoperta è il David Duke impersonato da Topher Grace, ovvero un politicamente moderato dietro al quale si nasconde un iscritto al partito nazista americano e che fra le mura solide e bianche di una villa di periferia e di fronte ad un pubblico debitamente selezionato, non nega mai la legittimità delle sue convinzioni suprematiste. Una pellicola che narra una storia tanto assurda quanto vera, un calcio ben assestato, senza nemmeno troppi giri di parole, all’America di oggi: il film si conclude difatti con le riprese degli scontri di Charlottesville e con i commenti a caldo sia del presidente Trump ma anche del redivivo David Duke.



Ciro Andreotti, 47 anni, Bologna (BO).




..

(7/10) Voto 7di 10

uma questione spinosa firmata diciamo con un piglio d ironia da Spike lee



stefano, 32 anni, taranto.





Sfoglia indietro   pagina 1 di 1   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
The Penitent | La zona d'interesse | Another end | Challengers | La favorita (V.O.) | Toy Story 4 (V.O.) | Il grande salto | Tatami - Una donna in lotta per la libertà | La chimera | Red Sparrow (V.O.) | La terra promessa | Io e il secco | C'e' ancora domani | Comandante | Il gusto delle cose | Killers of the Flower Moon | Palazzina Laf | Abigail | Eileen | Garfield - Una missione gustosa | Gravity | Confidenza | The Old Oak | Back to Black | L'esorcismo - Ultimo atto | Trolls 3 - Tutti insieme | Prendi il volo | Furiosa: A Mad Max Saga | John Wick 3: Parabellum | Il traditore | The Holdovers - Lezioni di vita | Haikyu!! The Dumpster Battle | Me Contro Te Il Film - Operazione Spie | Il cacciatore | Volare | Il regno del pianeta delle scimmie | La profezia del male | IF - Gli amici immaginari | Un mondo a parte | I morti non muoiono | The Watchers - Loro ti guardano | La memoria dell'acqua | Una storia nera | Vincent deve morire | Annabelle 3 | Scream | Buena Vista Social Club | Donne sull'orlo di una crisi di nervi | Sound of Freedom - Il canto della libertà | Hotspot - Amore senza rete | Ritratto di un amore | A dire il vero | The Fall Guy | Ricordi? | Attenti a quelle due | La bambola assassina | Anatomia di una caduta | My sweet monster | Kika - Un Corpo In Prestito | Il mio posto è qui | L'arte della gioia - Parte 1 | Il ragazzo e l'airone | Anna (1953) | La sala professori | Food for Profit | Quell'estate con Irène | Vangelo secondo Maria | Marcello mio |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Upon Entry - L'arrivo (2023), un film di Alejandro Rojas, Juan Sebastián Vasquez con Alberto Ammann, Bruna Cusí, Ben Temple.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: