FilmUP.com > Opinioni > Quasi amici - Intouchables
HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


Quasi amici - Intouchables

Opinioni presenti: 118
Media Voto: Media Voto: 9 (9/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



un ingranaggio che funziona a meraviglia

(9/10) Voto 9di 10

La scommessa di questo film sta in un nucleo molto semplice: chi è svantaggiato e disabile del tutto, vuole sentirsi alla pari con gli altri, senza sguardi pietosi e vuole intorno persone capaci di scherzare e ridere anche delle sue disgrazie. Il più delle volte infatti il disagio che proviamo di fronte all’handicap si traduce in comportamenti innaturali, mielati, che l’altro avverte come falsi. Diciamo anche che i due protagonisti, contrapposti per condizioni culturali, materiale e sociali, sono però accomunati da una menomazione, la povertà per l’uno, l’handicap per l’altro. Questi due denti dell’ingranaggio, incastrandosi a meraviglia, daranno ai due la possibilità di colmare molti vuoti reciproci, evolvendosi rispetto alla condizione iniziale e dando vita a una salda amicizia. E’ anche doveroso ricordare il contributo che la colonna sonora, firmata da Lodovico Einaudi al pianoforte, dà all’opera. Essa è una delle più belle ascoltate quest’anno: melodie tenere e intense si mescolano senza ritegno (come le azioni dei protagonisti) a brani degli Hearth, mentre Wind e Fire seguono un attacco di Vivaldi senza complessi e per l’uno e per l’altro. L’interpretazione dei ruoli principali è ottima: Francois Cluzet disegna con sofferta raffinatezza umana e culturale la parte di un ricco e aristocratico francese paraplegico senza autonomia dal collo in giù. Egli impara dall’altro che il vuoto e la disperazione sono condizioni di testa e non fisiche quando si ha il sostegno di un rapporto sincero. Omar Sy dà invece vita al personaggio del badante. Proveniente dalla banlieu, immigrato senegalese di prima generazione, avanzo di galera ma pieno di vita e di entusiasmo, appare rozzo e sincero fino alla brutalità ma non privo di ironica intelligenza. Facendone uso, egli comprende cosa serve davvero al suo assistito, aldilà di medicine e trattamenti o di ingessati e noiosissimi candidati al posto. Allora un film perfetto? No, perché qualche prezzo si paga per rendere accettabile un tema così complesso. C’è perciò da parte della regia una semplificazione eccessiva nel sorvolare su quale corto circuito potrebbero generare l’origine e i mezzi diversissimi dei due. Né è efficace la rappresentazione, appena suggerita, della condizione di oggettivo squallore in cui versa tanta periferia della civilissima Parigi. Fatta salva la segretaria, anche gli uomini e donne che circondano il paraplegico sono poco più che caricature. Del, resto quello che manca da una parte, abbonda dall’altra e lo spettatore arriva alla fine emotivamente disteso, rassicurato, oltre cha da franche risate, dal sapere che la storia muove da personaggi realmente esistenti. Via via, col solidificarsi e approfondirsi del legame, entrambi modificano in meglio la loro condizione. Infine ciascuno tornerà nel suo mondo senza rinunciare a quell’amicizia davvero intoccabile e che quindi la favola bella è in parte vera: quasi amici, appunto.



olga, 66 anni, perugia (pg).




Delizioso

(9/10) Voto 9di 10

Un film che tratta un argomento tragico con delicatezza ed ironia ; la recitazione degli attori,tutti bravissimi, è garbata e la trama scorre sempre senza intoppi. Si esce dal cinema consapevoli di aver visto un piccolo capolavoro.



michele, 62 anni, chiavari (GE).




Bellissimo

(10/10) Voto 10di 10

Uno di quei film che ... ti dispiace quando finisce!



Nat, 60 anni, Legnano.




È impossibile non vederlo

(10/10) Voto 10di 10

Se non lo vedi, ti perdi qualcosa per te stesso e per i tuoi rapporti con gli altri . Ti cambia l'opinione che puoi avere nei confronti di una persona handicappata. Ti insegna cosa importa veramente nella vita: ridere o almeno sorridere!!! Essere positivi cambia il colore della vita. Bravissimi gli attori!!! Stupendo film !!!!!!!



m.alessandra agostini, 59 anni, Sondrio (SO).




Bello

(10/10) Voto 10di 10

E' un film che ti prende, ti coinvolge, ti fa divertire ma ti fa anche pensare. Interpretato magnificamente dai due protagonisti, ma sono belle anche le figure minori. Ho trascorso due ore davvero piacevoli.



Rita, 59 anni, Novara.





Sfoglia indietro   pagina 1 di 24   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Charlie's Angels (2019), un film di Elizabeth Banks con Elizabeth Banks, ,.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: