Bowling a Columbine
Terra di sogni, l'America, e terra di libertà. Ma a quale prezzo. Ce lo dice Michael Moore nel suo ultimo documentario, in cui in qualità di voce narrante e conduttore, attore e commentatore, analizza la questione.
Con il suo documentario il regista americano ha fatto presto il giro del mondo. In Europa è partito proprio da Cannes, dove quest'anno per la prima volta in 46 anni un documentario ha partecipato alla competizione.

Il suo viaggio nell'America "armata" inizia con una visita alla North American Bank che regala ai nuovi correntisti un bel fucile. Premio davvero interessante per un paese che conta all'incirca 250 milioni di armi da fuoco nelle case, totalizzando oltre 11.000 omicidi l'anno. Moore parte dalla stessa Columbine, Colorado, dove nel 1999 due adolescenti imbracciarono il fucile e arrivati al loro liceo spararono contro i compagni ferendone 12 a morte. Ma l'orizzonte presto si allarga a tutta l'America. Mostra l'altra faccia della medaglia, quella che racconta una violenza cieca e senza limiti, in cui uomini e donne "responsabili" si armano fino ai denti e dormono con una 44 magnum sotto il cuscino. Dopo la banca e il suo 'originale' regalo, Moore continua il suo 'rapporto' arrivando dal barbiere dove oltre a barba e capelli coglie l'occasione per comprare una buona scorta di proiettili, proprio quelli che ci vogliono per il suo fucile. Seguono interviste a tappeto ai cittadini e ai ragazzi scampati al massacro ma bloccati per sempre su una sedia a rotelle con un proiettile conficcato nella schiena. Non smette e tira in ballo anche personaggi dello spettacolo che come Marilyn Manson professano un anarchia distruttrice oltre che dissacrante.

Attraverso un tragico patchwork fatto di spot di industrie d'armi, testimonianze dirette, interviste a tappeto, si disvela così un sogno americano imbottito di violenza. Ma Moore non sembra volersi fermare e nei 123 minuti del suo documentario (ma il materiale girato ammonta ad un totale di 200 ore), passa anche per la sua città natale, Flint, Michigan, dove sei mesi dopo il massacro di Columbine una bambina di 6 anni venne uccisa da un suo coetaneo. E ancora fino alla bella villa di Beverly Hills dove vive Charlton Heston, presidente della National Rifle Association. E l'indimenticabile 'Ben Hur' non ci fa una gran bella figura. Sotto l'occhio inflessibile e impietoso della sua cinepresa, Moore strappa all'attore risposte sconcertanti e ammissioni altrettanto imbarazzanti.
Un gran finale con il quale uno dei maggiori registi di documentari a sfondo sociale torna alla coraggiosa domanda dell'inizio "Siamo una nazione di maniaci delle armi o semplicemente di folli?".

Valeria Chiari

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, DVD, Recensione, Opinioni, Soundtrack




I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Five Nights at Freddy's (2023), un film di Emma Tammi con Josh Hutcherson, Matthew Lillard, Elizabeth Lail.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: