06 marzo 2001 - Conferenza stampa
Francesco Nuti
Intervista con il controverso attore toscano
di Valerio Salvi


Un'intervista con Francesco Nuti è sempre un terno a lotto, non solo per il suo carattere, ma anche per la sua scarsa loquacità. Comunque gettiamoci nelle fauci del lupo.

La scelta dei nomi dei protagonisti, Caruso e Giulia, la professione di Caruso (psicologo) come anche l'uso del flashback durante la narrazione, ci riportano ad un suo grande successo del passato [Caruso Pascosky, di Padre Polacco]. Una motivazione scaramantica, un legame particolare o qualcos'altro?
Mah... il nome di un personaggio è qualcosa a cui ci si sente un pò legati, ad esempio il Michele di Nanni Moretti, e Caruso in effetti mi è sempre piaciuto molto anche se nato un pò per caso. Il resto è casuale.

Il soggetto risale ad un anno fa, ma è decisamente molto attuale oggi alla luce dei fatti di Novi Ligure. Fortuna o un malessere della società che si è acuito con il tempo?
Fondamentalmente lo spunto nasce dalla difficoltà dei rapporti genitori/figli ed in questo mi rifaccio a mio fratello che ha una figlia di quattordici anni. Inoltre all'epoca il problema che si manifestava maggiormente era quello delle baby-gang piuttosto che fenomeni come quello di Novi Ligure.

Perché la scelta di uno psicanalista?
Ritengo fosse importante per aumentare il lato comico della situazione. Proprio uno psicanalista dovrebbe essere maggiormente in grado di stabilire un dialogo con i figli, invece, per assurdo, non ci riesce. Inoltre l'ho voluto vedovo per rendergli ancora più difficile la situazione. La mancanza di una figura femminile al fianco crea dubbi ed incertezze maggiori.

Quindi il tema della solitudine, a te sempre caro, si ritrova anche in questo film?
Si, la solitudine è un tema portante di tutti i miei film. Caruso veniva abbandonato da Giulia (Caruso Pascosky), Willy era un giornalista solo con un fratello disabile anche lui solo (Willy Signori) in Tutta Colpa del Paradiso ero un ex-galeotto privato della famiglia, in Stregati ero un dj nottambulo che si aggirava per le vie di Genova e così via. Io amo molto la solitudine e la cerco, per questo poi si riflette nei miei lavori.

Possiamo dire che "Peter Pan" è finalmente cresciuto?
No! Come me il mio personaggio non rinnega il fanciullo che è in lui, anzi! Nel finale vediamo Caruso prendere la mano del suo alter ego bambino e percorrere insieme la strada.


  

Intervista a Francesco Nuti


Tra i film più recenti:

Caruso, zero in condotta

Io Amo Andrea







I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Warning: main(/www/filmup/includes/strillo_tv20200712.php): failed to open stream: No such file or directory in /www/filmup/includes/template/curiosita/ultime_curiosita.php on line 20

Fatal error: main(): Failed opening required '/www/filmup/includes/strillo_tv20200712.php' (include_path='.:/apps/php_apache/lib/php') in /www/filmup/includes/template/curiosita/ultime_curiosita.php on line 20