07 Settembre 2007 - Conferenza stampa
"12"
Intervista al cast.
di Andrea D'Addio

Presentato il penultimo giorno del Festival, il nuovo film di Nikita Michalkov è uno dei candidati alla vittoria di qualche premio. Alla conferenza stampa le domande sono tutte per il regista.

Spesso i suoi precedenti film sono stati ispirati da opere letterarie. In questo caso l'a base è invece "La parola ai giurati" di Sidney Lumet. Come mai questa scelta?
Nikita Michalkov: Prima di tutto devo conefessare che vedrò per la prima volta il film nella sua versione definitiva soltanto fra qualche ora. Non ho avuto il tempo di vederlo visto che ero, e sono, impegnato nelle riprese di un'altra pellicola. Di certo posso affermare che si tratta di remake, ma solo al 13%, e che sia un film che letteratura o meno, parla della Russia. Il film di Lumet mi è servito da impulso, il desiderio di vedere 12 persone intente a risolvere il problema di un perfetto sconosciuto. Un film sulle responsabilità. Il ragazzo è un indifeso, e l'unica cosa che si sa di lui è che forse ha ucciso il padrigno. E' importante che non ci si fermi alle apparenze, o che comunque si ragioni quando si decide il destino di qualcuno. Non basta un'alzata di mano, dieci minuti di corsa. Allo spettatore, al contrario, viene mostrato anche il passato di questo ragazzo in modo che sia chiaro come non ci si possa giudicare senza conoscere. Non esiste una vita umana che non sia importante. Ci sono diverse scale sociali, ma davanti a Dio siamo tutti uguali.

E' stato importante quindi concentrarsi sulle relazioni tra gli uomini….
Nikita Michalkov: Il problema oggigiorno è che la gente non ascolta. Ci si chiede come stai, ma non si attende la risposta, spesso neanche la si ascolta. Stiamo perdendo la nostra immunità, il nostro essere uomini. Dostojevski faceva dire: "Secondo me sono proprio i prossimi che non si possono amare; gli altri, i lontani, forse sì, si possono amare" dimostrando la difficoltà degli uomini di essere uomini veri, di sforzarsi di comprendere le azioni e le persone.

Ha in qualche modo inciso l'eccidio di Beslan di tre anni fa nella scelta della realizzazione di questo film?
Nikita Michalkov: No, il discorso sulla Cecenia è solo un contrappunto che offre la possibilità, come già detto, di far vedere un passato del ragazzo che nessuno tra i giurati si immagina.

Forse il film, a causa dei suoi 153 minuti, non verrà distribuito, o se sì, forse tagliato…
Nikita Michalkov: Non sono pronto a tagliare nulla, e non perché il film sia perfetto. Quando due persone parlano ognuna di loro dedica del tempo all'altro. Certo, questa è l'epoca dello zapping, del se non mi piace cambio subito, ma deve rimanere il rispetto. Se io dedico tempo a te, tu lo devi dedicare a me quando ti parlo. E' poi lì che si crea quella collaborazione tra spettatore e film che crea l'atmosfera di vero cinema. Il silenzio non è un buco, ma un condensato di energia.

L'uccellino finale cosa rappresenta?
Nikita Michalkov: Le immagini hanno la possibilità di evocare un messaggio. E' questa la forza del cinema. L'uccellino è il tredicesimo giurato, quello che evita che un innocente sia condannato. E' la volontà di dio, è colui ceh difende lo sguardo di un bambino indifeso.

FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale: interviste.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Charlie's Angels (2019), un film di Elizabeth Banks con Elizabeth Banks, ,.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: