Moon
Che cosa c’è sul lato oscuro della luna? Una domanda che da sempre ha fatto viaggiare la fantasia di letterati, musicisti e cineasti.
Secondo Duncan Jones (al debutto come regista cinematografico) c’è la postazione delle Lunar Industries che si occupano di estrarre e mandare sulla terra fonti di energia primaria. Il personale di questa base lunare è composto dal solo Sam Bell (Sam Rockwell), che è giunto quasi alla fine dei suoi tre anni di contratto e può quindi tornare a casa, ma avviene un incidente durante un’operazione di routine e Sam soccorre un uomo identico a lui.
Duncan Jones ama i film di fantascienza e in Moon si nota chiaramente quanto il genere abbia influenzato il suo modo di fare film. Le citazioni sono tante e divertenti da scovare: da Hall di 2001 alle allucinazioni spaziali di Solaris, solo per citare le più evidenti.
Ma Moon non è solo questo, come i film di fantascienza non sono soltanto una navicella che vola a velocità supersonica. La solitudine del protagonista, il rapporto con se stesso e con Gerty il computer che lo "assiste" (la cui voce in versione originale è di Kevin Spacey) nonché con il nuovo arrivato sono un pretesto per far riflettere su tematiche fondamentali per l’uomo di oggi come per quello del futuro. La relazione fra l’uomo e la macchina, laddove l’uomo diventa freddo e spietato come fosse senza anima e la macchina diventa un compagno complice dell’umanità è un chiaro monito affinché i più importanti valori etici si accompagnino sempre agli sviluppi tecnologici.
In questo film Sam Rockwell dà un’ottima prova di sé: recita un doppio ruolo riuscendo a non creare confusione nello spettatore, ma creando la giusta suspense e ambiguità nei momenti più adatti. La pellicola nonostante sia incentrata su un solo personaggio non perde di ritmo, sin da subito sono disseminati indizi su come svelare l’arcano finale, che risulta, come è buona tradizione dei film di genere, solo una scusa per poter introdurre altri contenuti.
Non aspettatevi inseguimenti nell’iperspazio, nessuna creatura extraterreste, è un film su un uomo e sull’uomo, come erano una volta i film di fantascienza.

La frase: "C’è un’area che non conosciamo, e io la troverò!".

Ilaria Ferri

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.














I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Bullet Train (2022), un film di David Leitch con Brad Pitt, Joey King, Aaron Taylor-Johnson.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: