Il Miglio Verde
Il film è il racconto narrato da Paul Edgecomb all'amica Elaine Connelly. L'uomo ora vive in una casa di riposo, ma sessant'anni fa lavorava come capo delle guardie del braccio della morte nel penitenziario di Cold Mountain. Durante la grande depressione, nel vecchio carcere del sud degli Stati Uniti, Edgecomg (Tom Hanks, reduce dal doppiaggio di "Toy Story 2") si occupava di quattro assassini in attesa di compiere la loro ultima passeggiata lungo il "Miglio Verde", un corridoio rivestito di linoleum verde che doveva condurli alla stanza della sedia elettrica.
Da quando lavorava a Cold Mountain, aveva percorso quel tragitto accompagnando uomini molto diversi. Eppure non aveva mai incontrato nessuno che somigliasse a John Coffey (Michael Duncan, "La colazione dei campioni", "Armageddon"), un ragazzone nero condannato a morte per l'omicidio di due gemelline di nove anni.
Il suo modo di comportarsi era in netto contrasto con il suo aspetto fisico: infatti oltre a un carattere semplice e ingenuo e a un'infantile paura del buio, il ragazzo possedeva un dono soprannaturale. Con lo svolgersi degli eventi, Paul Edgecomb avrebbe scoperto che a volte i miracoli accadono nei luoghi più impensati.
Diretto da Frank Darabont ("Le ali della libertà") e candidato a quattro premi Oscar tra cui "Miglior film" e "Miglior attore non protagonista", il film è tratto dal romanzo in sei puntate scritto da Stephen King che ha entusiasmato il regista fin dall'inizio. Darabont ha impiegato otto settimane per scrivere la sceneggiatura, poi insieme ai collaboratori si è dedicato alla realizzazione del set del "braccio della morte", creato grazie al preziosissimo aiuto di Terence Marsh, che aveva progettato la prigione nel film "Le ali della libertà". Cercando la località più adatta alle riprese, Darabont e Marsh si sono recati al Tennessee State Penitentiary, oggi non più utilizzato e che rappresenta una sorta di istituzione del cinema, visto che ha ospitato molte produzioni tra cui il recente "Difesa ad oltranza" con Sharon Stone.
La scelta è caduta su questo penitenziario anche perché gli ambienti con finestre allungate simili a quelle delle cattedrali danno una dimensione mistica come effettivamente il film richiede. Nel set non poteva mancare l'oggetto più macabro e simbolo della cupa e misteriosa atmosfera della vicenda: la copia di una sedia elettrica di rame e mogano realizzata dopo aver compiuto delle ricerche a Sing Sing e nelle prigioni della Louisiana, del Tennessee e della Georgia: quindi sono stati selezionati alcuni elementi degli esemplari visionati e costruito tre copie del sinistro strumento di morte.

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, DVD, Recensione, Opinioni, Soundtrack














I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Le otto montagne (2022), un film di Felix van Groeningen, Charlotte Vandermeersch con Luca Marinelli, Alessandro Borghi, Filippo Timi.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: