HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

Adorabili amiche











Il confronto col passato in un'esistenziale solidarietà di genere. Scritto e diretto dallo sceneggiatore, regista e attore Benoìt Pètrè (aveva esordito nel teatro, firma il suo primo lungometraggio da solo), ispirato e dedicato alla madre e alle altre donne impersonate dalle tre protagoniste, nel titolo originale, all'inizio e sul finale "Adorabili amiche" omaggia il riferimento ideale a "Thelma e Louise", la cui vicinanza si limita alla composizione al femminile del cast e alla strada come percorso di presa di coscienza.

Dopo simpatici titoli di testa sparsi nella scenografia, si parte per un viaggio in una vecchia automobile lungo soleggiate campagne della Borgogna - con l'asfalto e la musica come costanti - che è una sorta di piccola vacanza avventurosa di cinquantenni amiche di liceo, comprendente una fuga dal ristorante di lusso senza pagare, lo smarrimento della borsa, la ruota bucata e la comparsata di alcuni uomini. Differenti le tipologie umane e di classe sociale, e per quanto riguarda l'aspetto lavorativo le due che hanno un'occupazione la vivono con frustrazione, mentre rispetto al piano sentimentale c'è la separata aggressiva e seducente, la "single" svampita e munita di vibratore, la sposata ma consapevolmente tradita e innamorata di una fantasia di gioventù. Tutte con prole cresciuta, in alcuni casi ancora sotto lo stesso tetto: una ci litiga in apertura, una soffre di incomunicabilità ("tuo figlio ha scritto un libro per parlarti"), una terza sta troppo addosso e vizia quello maschio, e davanti al quadretto di una famigliola felice c'è chi reagisce con disillusione e chi con amaro incanto. Da una comune condizione di partenza ("siamo disperatamente sole"), rinsaldando ad anni di distanza reciproca comprensione e affetto, si arriva ad una programmatica, matura e serena presa d'atto ("bisogna imparare a vivere con l'amore, ma anche senza"). Se non fosse che le caricature della novella sposa e dello sfogo collettivo durante il ricevimento costringono il film in un ambito di commedia più attenta alla trasversalità un po' facile che alle aspirazioni di bilancio generazionale.

La frase:
- "Il riso da lanciare agli sposi"
- "Non hai della ghiaia?".

a cura di Federico Raponi

Scrivi la tua recensione!



FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Lacci (2020), un film di Daniele Luchetti con Alba Rohrwacher, Luigi Lo Cascio, Laura Morante.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: