HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

Margin Call











Una vita al di sopra delle proprie possibilità, questo il castello di carte su cui è costruito il sogno del benessere occidentale. 24 ore nel grattacielo di Wall Street sede di una società finanziaria nata oltre un secolo prima, quindi un pezzo di storia del capitalismo internazionale. Qui, dove speculando sui mutui si spacciano illusioni, quando si decide di liquidare tutto comincia la crisi ancora in corso. Qui vengono mostrati protagonisti e dinamiche.

Già regista di spot pubblicitari e documentari, produttore e sceneggiatore (nomination all'Oscar proprio per questo debutto nel lungometraggio di finzione), con un bel cast al servizio Jeffrey C. Chandor ci dice che nel giorno dei licenziamenti di massa il responsabile della struttura piange il suo cane malato di tumore, gli scampati si voltano dall'altra parte per parlare di quanto guadagnino sia loro che i superiori (il capo, con riverenza, è definito "un vero killer") dissipando poi tutto in lusso e sesso a pagamento. Tra le capacità per lavorare lì ci sono l'essere i primi e l'imbrogliare, e qualcuno è passato addirittura dalla progettazione razzi alla gestione rischi, perchè sempre di numeri si tratta. E questi riportano conti che non tornano più da anni, trilioni di carta nel mondo sono basati su un'equazione che non funziona.
"Margin call" rivela dunque la precarietà del sistema finanziario, elencando pure i corsi e ricorsi dei disastri economici succedutisi da quando esiste. Solo che ora "siamo alla fine del mercato" nel momento in cui salta la prima regola del venditore, quella di far tornare il cliente. Incisivamente, il film si esprime anche con luoghi e scene altamente simboliche, quali la distesa di computers accesi e riflessi sulle finestre degli uffici deserti, la città notturna vista dall'alto come un insieme di piccole luci, due colleghi che conversano in ascensore avendo in mezzo la donna delle pulizie che fissa il nulla davanti: mondi vicini e completamente separati. Fino al degno finale, col rumore di una pala che scava la tomba per il miglior amico dell'uomo.

La frase:
"Ignorateli, fate finta di niente e tornate al lavoro".

a cura di Federico Raponi

Scrivi la tua recensione!



FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Black Christmas (2019), un film di Sophia Takal con Imogen Poots, Cary Elwes, Brittany O'Grady.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: