FilmUP.com > Forum > CineINFO - Oggi ho visto... - Agenda dei filmz 8
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Cinema > CineINFO > Oggi ho visto... - Agenda dei filmz 8   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 | 37 | 38 | 39 | 40 | 41 | 42 | 43 | 44 | 45 | 46 | 47 | 48 | 49 | 50 | 51 | 52 | 53 | 54 | 55 | 56 | 57 | 58 | 59 | 60 | 61 | 62 | 63 | 64 | 65 | 66 | 67 | 68 | 69 | 70 | 71 | 72 | 73 | 74 | 75 | 76 | 77 | 78 | 79 | 80 | 81 | 82 | 83 | 84 | 85 | 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 100 | 101 | 102 | 103 | 104 | 105 | 106 | 107 | 108 | 109 | 110 | 111 | 112 | 113 | 114 | 115 | 116 | 117 | 118 | 119 | 120 | 121 | 122 | 123 | 124 | 125 | 126 | 127 | 128 | 129 | 130 | 131 | 132 | 133 | 134 | 135 | 136 | 137 | 138 | 139 | 140 | 141 | 142 | 143 | 144 | 145 | 146 | 147 | 148 | 149 | 150 | 151 | 152 | 153 | 154 | 155 | 156 | 157 | 158 | 159 | 160 | 161 | 162 | 163 | 164 | 165 | 166 | 167 | 168 | 169 | 170 | 171 | 172 | 173 | 174 | 175 | 176 | 177 | 178 | 179 | 180 | 181 | 182 | 183 | 184 | 185 | 186 | 187 | 188 | 189 | 190 | 191 | 192 | 193 | 194 | 195 | 196 | 197 | 198 | 199 | 200 | 201 | 202 | 203 | 204 | 205 | 206 | 207 | 208 Pagina successiva )
Autore Oggi ho visto... - Agenda dei filmz 8
Fakuser

Reg.: 04 Feb 2005
Messaggi: 2656
Da: Milano (MI)
Inviato: 21-03-2008 16:45  
Non ho sparato "merda " su MARE DENTRO, ho solo espresso la mia opinione nello stile tipico di questo topic,cioè quello aforistico-sentenzioso.

Ho risposto al quote non tanto sullo sparati, quanto perchè sapevo bene che saresti stata la prima a replicare....

Ciò detto, astenendomi da considerazioni specificatamente cinematografiche perchè da quel punto di vista poco o nulla mi è rimasto del film, accennerò invece alla rappresentazione che in esso viene data (psicologicamente e non solo ) di un'invalidità grave....

L'unico e assoluto punto di vista è quello opprimente e oppresso di bardem, un sognatore amante della vita che si ritrova di punto in bianco a dover rinegoziare la propria vita, bloccato com'è in un letto..

I familiari e gli amici sono straniti, fuori fase, incapaci d'affrontare la situazione ... lo ricoprono di premure e d'attenzioni mentre Bardem incapace di farsene una ragione, deplora lamentevolmente la miseria del proprio stato, riversando sugli improvvisati infermieri le proprie frustrazioni, i propri dolori... e nei sogni si lascia pateticamente andare a sogni di libertà mentre nella vita di tutti i giorni tutto ciò che fa è incatenare sè stesso e coloro che gli stanno accanto al cilicio della propria condizione.

Senonchè preso da un soprassalto di altruismo/egoismo, decide arbitrariamente di togliersi la vita, decidendo se non ricordo male di incidere anche un nastro della cosa.

Bene. Tutto ciò come ce lo mostra Amenabar ?

Il suo occhio lo si vede sin da subito è profondamente estraneo a ciò che si trova a raccontare.. gli interessa solamente indagare come farà poi malamente il dilemma etico dell'eutanasia... da ciò ne esce un film profondamente inautentico, grondante ignorante compassione(volezza ).Bardem è seguito in ogni momento, è il Cristo nuovo crocifisso nel giaciglio della propria immobilità, quello da comprendere e insieme temere, da biasimare e compatire insieme, come se la disabilità portasse automaticamente fuori dal consesso sociale (ricordate la burbera scrontosità del personaggio e capirete cosa intendo ). La scena del prelato in carrozzella, poi è da istantanea fucilazione.Amenabar fa corrispondere a una settaria divisione dello spazio scenico (cima delle scale bardem/piedi delle scale prete che non può salire ) una sottile divisione culturale: l'incomunicabilità dei due soggetti sancisce l'alterità unità degli stessi rispetto alla società dei normali, che quelle scale le può valicare.
Il finale poi, dove la morte di bardem è inchiodata in diretta da impietosi primi piani, si trasfigura naturalmente in momento analogo alla Passione di Cristo rovesciata, laddove egli ha salvato l'umanità, bardem salverebbe se stesso dalle sofferemnze e gli altri dal peso della sopportazione.

Questa è una visione limitante e stereotipata al massimo del fenomeno in questione e aver giocato in questo modo con un simile tema denota quantomeno molta ignoranza.

Io odio essere ripetitivo, ma guardatevi ELEPHANT MAN, per favore. Che poi ci sputerete su questa merda.

Ecco, silvia, ora l'ho detto veramente.
_________________
Silencio...

  Visualizza il profilo di Fakuser  Invia un messaggio privato a Fakuser    Rispondi riportando il messaggio originario
Mayapan

Reg.: 17 Nov 2006
Messaggi: 932
Da: milano (MI)
Inviato: 21-03-2008 16:50  
quote:
In data 2008-03-21 11:47, Nietzsche scrive:
quote:
In data 2008-03-21 00:27, Mayapan scrive:
Mare dentro. complimenti ad Amenabar, ottimo film



ah uno dei miei film preferiti.
se non l hai ancora visto, guarda lo scafandro e la farfalla, speculare a mare dentro, eccezionale anche quello!




Si l’ho già visto, sono d’accordo. Ho visto mare dentro proprio per poterlo confrontare con lo scafandro e la farfalla
_________________
[ ...il suo salvataggio è un viaggio in luoghi lontani ]

  Visualizza il profilo di Mayapan  Invia un messaggio privato a Mayapan    Rispondi riportando il messaggio originario
pkdick

Reg.: 11 Set 2002
Messaggi: 20557
Da: Mercogliano (AV)
Inviato: 21-03-2008 18:38  
quote:
In data 2008-03-21 13:39, alessio984 scrive:
quote:
In data 2008-03-21 13:12, pkdick scrive:
(fade to black&white version)

cioè?



è una versione alternativa uscita successivamente, una specie di director's cut, praticamente nell'ultima parte il film inizia a decolorarsi gradualmente fino al bianco e nero. credo stia ad evidenziare il contrasto tra peccato e purezza, boh. comunque ho comprato un cofanetto inglese della trilogia e per lady vendetta c'è questa versione qua.
_________________
Quattro galìne dodicimila

  Visualizza il profilo di pkdick  Invia un messaggio privato a pkdick    Rispondi riportando il messaggio originario
pkdick

Reg.: 11 Set 2002
Messaggi: 20557
Da: Mercogliano (AV)
Inviato: 21-03-2008 18:46  
confessioni di una mente pericolosa - george clooney
good night, and good luck - george clooney
_________________
Quattro galìne dodicimila

  Visualizza il profilo di pkdick  Invia un messaggio privato a pkdick    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 21-03-2008 19:36  
Stasera finalmente mi vedrò La promessa dell'assassino, poi commenterò...
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
Hegel77

Reg.: 20 Gen 2008
Messaggi: 298
Da: Roma (RM)
Inviato: 21-03-2008 20:18  
quote:
In data 2008-03-21 16:45, Fakuser scrive:
Non ho sparato "merda " su MARE DENTRO, ho solo espresso la mia opinione nello stile tipico di questo topic,cioè quello aforistico-sentenzioso.

Ho risposto al quote non tanto sullo sparati, quanto perchè sapevo bene che saresti stata la prima a replicare....

Ciò detto, astenendomi da considerazioni specificatamente cinematografiche perchè da quel punto di vista poco o nulla mi è rimasto del film, accennerò invece alla rappresentazione che in esso viene data (psicologicamente e non solo ) di un'invalidità grave....

L'unico e assoluto punto di vista è quello opprimente e oppresso di bardem, un sognatore amante della vita che si ritrova di punto in bianco a dover rinegoziare la propria vita, bloccato com'è in un letto..

I familiari e gli amici sono straniti, fuori fase, incapaci d'affrontare la situazione ... lo ricoprono di premure e d'attenzioni mentre Bardem incapace di farsene una ragione, deplora lamentevolmente la miseria del proprio stato, riversando sugli improvvisati infermieri le proprie frustrazioni, i propri dolori... e nei sogni si lascia pateticamente andare a sogni di libertà mentre nella vita di tutti i giorni tutto ciò che fa è incatenare sè stesso e coloro che gli stanno accanto al cilicio della propria condizione.

Senonchè preso da un soprassalto di altruismo/egoismo, decide arbitrariamente di togliersi la vita, decidendo se non ricordo male di incidere anche un nastro della cosa.

Bene. Tutto ciò come ce lo mostra Amenabar ?

Il suo occhio lo si vede sin da subito è profondamente estraneo a ciò che si trova a raccontare.. gli interessa solamente indagare come farà poi malamente il dilemma etico dell'eutanasia... da ciò ne esce un film profondamente inautentico, grondante ignorante compassione(volezza ).Bardem è seguito in ogni momento, è il Cristo nuovo crocifisso nel giaciglio della propria immobilità, quello da comprendere e insieme temere, da biasimare e compatire insieme, come se la disabilità portasse automaticamente fuori dal consesso sociale (ricordate la burbera scrontosità del personaggio e capirete cosa intendo ). La scena del prelato in carrozzella, poi è da istantanea fucilazione.Amenabar fa corrispondere a una settaria divisione dello spazio scenico (cima delle scale bardem/piedi delle scale prete che non può salire ) una sottile divisione culturale: l'incomunicabilità dei due soggetti sancisce l'alterità unità degli stessi rispetto alla società dei normali, che quelle scale le può valicare.
Il finale poi, dove la morte di bardem è inchiodata in diretta da impietosi primi piani, si trasfigura naturalmente in momento analogo alla Passione di Cristo rovesciata, laddove egli ha salvato l'umanità, bardem salverebbe se stesso dalle sofferemnze e gli altri dal peso della sopportazione.

Questa è una visione limitante e stereotipata al massimo del fenomeno in questione e aver giocato in questo modo con un simile tema denota quantomeno molta ignoranza.

Io odio essere ripetitivo, ma guardatevi ELEPHANT MAN, per favore. Che poi ci sputerete su questa merda.

Ecco, silvia, ora l'ho detto veramente.




Scusa se sono franco: ma non capisci un cazzo di cinema, siceramente.
L'accostamento The Elephant Man con Mare dentro (due film eccezionali) dimostra una distorsione mentale prossima a quella di un carciofo
_________________
Dare un senso alla vita può condurre a follie,
ma una vita senza senso è la tortura dell’inquietudine e del vano desiderio

  Visualizza il profilo di Hegel77  Invia un messaggio privato a Hegel77    Rispondi riportando il messaggio originario
Fakuser

Reg.: 04 Feb 2005
Messaggi: 2656
Da: Milano (MI)
Inviato: 21-03-2008 20:21  
quote:
In data 2008-03-21 20:18, Hegel77 scrive:
quote:
In data 2008-03-21 16:45, Fakuser scrive:
Non ho sparato "merda " su MARE DENTRO, ho solo espresso la mia opinione nello stile tipico di questo topic,cioè quello aforistico-sentenzioso.

Ho risposto al quote non tanto sullo sparati, quanto perchè sapevo bene che saresti stata la prima a replicare....

Ciò detto, astenendomi da considerazioni specificatamente cinematografiche perchè da quel punto di vista poco o nulla mi è rimasto del film, accennerò invece alla rappresentazione che in esso viene data (psicologicamente e non solo ) di un'invalidità grave....

L'unico e assoluto punto di vista è quello opprimente e oppresso di bardem, un sognatore amante della vita che si ritrova di punto in bianco a dover rinegoziare la propria vita, bloccato com'è in un letto..

I familiari e gli amici sono straniti, fuori fase, incapaci d'affrontare la situazione ... lo ricoprono di premure e d'attenzioni mentre Bardem incapace di farsene una ragione, deplora lamentevolmente la miseria del proprio stato, riversando sugli improvvisati infermieri le proprie frustrazioni, i propri dolori... e nei sogni si lascia pateticamente andare a sogni di libertà mentre nella vita di tutti i giorni tutto ciò che fa è incatenare sè stesso e coloro che gli stanno accanto al cilicio della propria condizione.

Senonchè preso da un soprassalto di altruismo/egoismo, decide arbitrariamente di togliersi la vita, decidendo se non ricordo male di incidere anche un nastro della cosa.

Bene. Tutto ciò come ce lo mostra Amenabar ?

Il suo occhio lo si vede sin da subito è profondamente estraneo a ciò che si trova a raccontare.. gli interessa solamente indagare come farà poi malamente il dilemma etico dell'eutanasia... da ciò ne esce un film profondamente inautentico, grondante ignorante compassione(volezza ).Bardem è seguito in ogni momento, è il Cristo nuovo crocifisso nel giaciglio della propria immobilità, quello da comprendere e insieme temere, da biasimare e compatire insieme, come se la disabilità portasse automaticamente fuori dal consesso sociale (ricordate la burbera scrontosità del personaggio e capirete cosa intendo ). La scena del prelato in carrozzella, poi è da istantanea fucilazione.Amenabar fa corrispondere a una settaria divisione dello spazio scenico (cima delle scale bardem/piedi delle scale prete che non può salire ) una sottile divisione culturale: l'incomunicabilità dei due soggetti sancisce l'alterità unità degli stessi rispetto alla società dei normali, che quelle scale le può valicare.
Il finale poi, dove la morte di bardem è inchiodata in diretta da impietosi primi piani, si trasfigura naturalmente in momento analogo alla Passione di Cristo rovesciata, laddove egli ha salvato l'umanità, bardem salverebbe se stesso dalle sofferemnze e gli altri dal peso della sopportazione.

Questa è una visione limitante e stereotipata al massimo del fenomeno in questione e aver giocato in questo modo con un simile tema denota quantomeno molta ignoranza.

Io odio essere ripetitivo, ma guardatevi ELEPHANT MAN, per favore. Che poi ci sputerete su questa merda.

Ecco, silvia, ora l'ho detto veramente.




Scusa se sono franco: ma non capisci un cazzo di cinema, siceramente.
L'accostamento The Elephant Man con Mare dentro (due film eccezionali) dimostra una distorsione mentale prossima a quella di un carciofo


infatti io non parlavo di cinema,coglione. leggi meglio.
_________________
Silencio...

  Visualizza il profilo di Fakuser  Invia un messaggio privato a Fakuser    Rispondi riportando il messaggio originario
Hegel77

Reg.: 20 Gen 2008
Messaggi: 298
Da: Roma (RM)
Inviato: 21-03-2008 20:24  
quote:
In data 2008-03-21 20:21, Fakuser scrive:
quote:
In data 2008-03-21 20:18, Hegel77 scrive:
quote:
In data 2008-03-21 16:45, Fakuser scrive:
Non ho sparato "merda " su MARE DENTRO, ho solo espresso la mia opinione nello stile tipico di questo topic,cioè quello aforistico-sentenzioso.

Ho risposto al quote non tanto sullo sparati, quanto perchè sapevo bene che saresti stata la prima a replicare....

Ciò detto, astenendomi da considerazioni specificatamente cinematografiche perchè da quel punto di vista poco o nulla mi è rimasto del film, accennerò invece alla rappresentazione che in esso viene data (psicologicamente e non solo ) di un'invalidità grave....

L'unico e assoluto punto di vista è quello opprimente e oppresso di bardem, un sognatore amante della vita che si ritrova di punto in bianco a dover rinegoziare la propria vita, bloccato com'è in un letto..

I familiari e gli amici sono straniti, fuori fase, incapaci d'affrontare la situazione ... lo ricoprono di premure e d'attenzioni mentre Bardem incapace di farsene una ragione, deplora lamentevolmente la miseria del proprio stato, riversando sugli improvvisati infermieri le proprie frustrazioni, i propri dolori... e nei sogni si lascia pateticamente andare a sogni di libertà mentre nella vita di tutti i giorni tutto ciò che fa è incatenare sè stesso e coloro che gli stanno accanto al cilicio della propria condizione.

Senonchè preso da un soprassalto di altruismo/egoismo, decide arbitrariamente di togliersi la vita, decidendo se non ricordo male di incidere anche un nastro della cosa.

Bene. Tutto ciò come ce lo mostra Amenabar ?

Il suo occhio lo si vede sin da subito è profondamente estraneo a ciò che si trova a raccontare.. gli interessa solamente indagare come farà poi malamente il dilemma etico dell'eutanasia... da ciò ne esce un film profondamente inautentico, grondante ignorante compassione(volezza ).Bardem è seguito in ogni momento, è il Cristo nuovo crocifisso nel giaciglio della propria immobilità, quello da comprendere e insieme temere, da biasimare e compatire insieme, come se la disabilità portasse automaticamente fuori dal consesso sociale (ricordate la burbera scrontosità del personaggio e capirete cosa intendo ). La scena del prelato in carrozzella, poi è da istantanea fucilazione.Amenabar fa corrispondere a una settaria divisione dello spazio scenico (cima delle scale bardem/piedi delle scale prete che non può salire ) una sottile divisione culturale: l'incomunicabilità dei due soggetti sancisce l'alterità unità degli stessi rispetto alla società dei normali, che quelle scale le può valicare.
Il finale poi, dove la morte di bardem è inchiodata in diretta da impietosi primi piani, si trasfigura naturalmente in momento analogo alla Passione di Cristo rovesciata, laddove egli ha salvato l'umanità, bardem salverebbe se stesso dalle sofferemnze e gli altri dal peso della sopportazione.

Questa è una visione limitante e stereotipata al massimo del fenomeno in questione e aver giocato in questo modo con un simile tema denota quantomeno molta ignoranza.

Io odio essere ripetitivo, ma guardatevi ELEPHANT MAN, per favore. Che poi ci sputerete su questa merda.

Ecco, silvia, ora l'ho detto veramente.




Scusa se sono franco: ma non capisci un cazzo di cinema, siceramente.
L'accostamento The Elephant Man con Mare dentro (due film eccezionali) dimostra una distorsione mentale prossima a quella di un carciofo


infatti io non parlavo di cinema,coglione. leggi meglio.




Si in effetti parli di tutto fuorchè di cinema.
_________________
Dare un senso alla vita può condurre a follie,
ma una vita senza senso è la tortura dell’inquietudine e del vano desiderio

  Visualizza il profilo di Hegel77  Invia un messaggio privato a Hegel77    Rispondi riportando il messaggio originario
Fakuser

Reg.: 04 Feb 2005
Messaggi: 2656
Da: Milano (MI)
Inviato: 21-03-2008 20:27  
quote:
In data 2008-03-21 20:24, Hegel77 scrive:
quote:
In data 2008-03-21 20:21, Fakuser scrive:
quote:
In data 2008-03-21 20:18, Hegel77 scrive:
quote:
In data 2008-03-21 16:45, Fakuser scrive:
Non ho sparato "merda " su MARE DENTRO, ho solo espresso la mia opinione nello stile tipico di questo topic,cioè quello aforistico-sentenzioso.

Ho risposto al quote non tanto sullo sparati, quanto perchè sapevo bene che saresti stata la prima a replicare....

Ciò detto, astenendomi da considerazioni specificatamente cinematografiche perchè da quel punto di vista poco o nulla mi è rimasto del film, accennerò invece alla rappresentazione che in esso viene data (psicologicamente e non solo ) di un'invalidità grave....

L'unico e assoluto punto di vista è quello opprimente e oppresso di bardem, un sognatore amante della vita che si ritrova di punto in bianco a dover rinegoziare la propria vita, bloccato com'è in un letto..

I familiari e gli amici sono straniti, fuori fase, incapaci d'affrontare la situazione ... lo ricoprono di premure e d'attenzioni mentre Bardem incapace di farsene una ragione, deplora lamentevolmente la miseria del proprio stato, riversando sugli improvvisati infermieri le proprie frustrazioni, i propri dolori... e nei sogni si lascia pateticamente andare a sogni di libertà mentre nella vita di tutti i giorni tutto ciò che fa è incatenare sè stesso e coloro che gli stanno accanto al cilicio della propria condizione.

Senonchè preso da un soprassalto di altruismo/egoismo, decide arbitrariamente di togliersi la vita, decidendo se non ricordo male di incidere anche un nastro della cosa.

Bene. Tutto ciò come ce lo mostra Amenabar ?

Il suo occhio lo si vede sin da subito è profondamente estraneo a ciò che si trova a raccontare.. gli interessa solamente indagare come farà poi malamente il dilemma etico dell'eutanasia... da ciò ne esce un film profondamente inautentico, grondante ignorante compassione(volezza ).Bardem è seguito in ogni momento, è il Cristo nuovo crocifisso nel giaciglio della propria immobilità, quello da comprendere e insieme temere, da biasimare e compatire insieme, come se la disabilità portasse automaticamente fuori dal consesso sociale (ricordate la burbera scrontosità del personaggio e capirete cosa intendo ). La scena del prelato in carrozzella, poi è da istantanea fucilazione.Amenabar fa corrispondere a una settaria divisione dello spazio scenico (cima delle scale bardem/piedi delle scale prete che non può salire ) una sottile divisione culturale: l'incomunicabilità dei due soggetti sancisce l'alterità unità degli stessi rispetto alla società dei normali, che quelle scale le può valicare.
Il finale poi, dove la morte di bardem è inchiodata in diretta da impietosi primi piani, si trasfigura naturalmente in momento analogo alla Passione di Cristo rovesciata, laddove egli ha salvato l'umanità, bardem salverebbe se stesso dalle sofferemnze e gli altri dal peso della sopportazione.

Questa è una visione limitante e stereotipata al massimo del fenomeno in questione e aver giocato in questo modo con un simile tema denota quantomeno molta ignoranza.

Io odio essere ripetitivo, ma guardatevi ELEPHANT MAN, per favore. Che poi ci sputerete su questa merda.

Ecco, silvia, ora l'ho detto veramente.




Scusa se sono franco: ma non capisci un cazzo di cinema, siceramente.
L'accostamento The Elephant Man con Mare dentro (due film eccezionali) dimostra una distorsione mentale prossima a quella di un carciofo


infatti io non parlavo di cinema,coglione. leggi meglio.




Si in effetti parli di tutto fuorchè di cinema.


pensa quel cazzo che ti pare.

intanto rimani solo uno sfigato che si sfoga su internet perchè non ha nessuno che gliela dà (però, considerando la qualità dei tuoi interventi, è più probabile che ti manchi il pene, in tutti i sensi......
_________________
Silencio...

  Visualizza il profilo di Fakuser  Invia un messaggio privato a Fakuser    Rispondi riportando il messaggio originario
oronzocana

Reg.: 30 Mag 2004
Messaggi: 6056
Da: camerino (MC)
Inviato: 21-03-2008 20:45  
quote:
In data 2008-03-21 20:18, Hegel77 scrive:
dimostra una distorsione mentale prossima a quella di un carciofo




ahahahahah... questa mi ha fatto ridere.
_________________
Partecipare ad un'asta, se si ha il Parkinson, può essere una questione molto costosa.
Michael J. Fox
---------
Blog

  Visualizza il profilo di oronzocana  Invia un messaggio privato a oronzocana     Rispondi riportando il messaggio originario
TesPatton

Reg.: 09 Giu 2004
Messaggi: 7745
Da: Pn (PN)
Inviato: 21-03-2008 23:05  
Il Mare Dentro non l'ho mai visto ma mi incuriosisce. Per chi ha visto sia Son Frère che Il Mare Dentro, mi potrebbe dire se in qualche modo i due film si possano equiparare?
_________________
Spegni la candela, non voglio vedere il colore dei miei pensieri.

  Visualizza il profilo di TesPatton  Invia un messaggio privato a TesPatton    Rispondi riportando il messaggio originario
Hegel77

Reg.: 20 Gen 2008
Messaggi: 298
Da: Roma (RM)
Inviato: 21-03-2008 23:17  
Ho visto solo Mare Dentro e ti posso dire che ho trovato delle affinità con Lo Scafandro e La Farfalla.
Il film è liberamnete tratto dal libro Lettere dall'inferno di Ramon Sampedro e poggia la sua grande forza nel ribadire il rispetto della dignità del proprio corpo e il principio della auto determinazione di un ammalato che si vede privato di ogni tipo di intimità e libertà.
Un film che ti fa volare (letteralmente) sulle note della Turandot di Puccini e che ti fa rispettare la coraggiosa scelta di morte di Ramon Sampedro.
Il tutto condito con battute autoironiche e stoccate alle autorità cattoliche e giuridiche di grande risonanza civile.
Questo film fa discutere sulla eutanasia senza impeti emotivi o pregiudizi morali, ma semplicemente con la forza della ragione.
_________________
Dare un senso alla vita può condurre a follie,
ma una vita senza senso è la tortura dell’inquietudine e del vano desiderio

  Visualizza il profilo di Hegel77  Invia un messaggio privato a Hegel77    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 21-03-2008 23:26  
quote:
In data 2008-03-21 19:36, eltonjohn scrive:
Stasera finalmente mi vedrò La promessa dell'assassino, poi commenterò...



Visto, non male ma...
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
Jerry88

Reg.: 12 Mar 2007
Messaggi: 2130
Da: L'Aquila (AQ)
Inviato: 22-03-2008 00:17  
Hero - Zhang Yimou

non male, però alcune scene potevano risparmiarsi di farle così lunghe
_________________
Questo non è un lavaggio del cervello, questo non è un lavaggio del cervello, questo non è un lavaggio del cervello, questo non è un lavaggio del cervello, questo non è un lavaggio del cervello, questo non è un lavaggio del cervello, questo non è un lavag

  Visualizza il profilo di Jerry88  Invia un messaggio privato a Jerry88    Rispondi riportando il messaggio originario
thetourist

Reg.: 01 Mag 2007
Messaggi: 7007
Da: estero (es)
Inviato: 22-03-2008 01:24  
appena finito di vedere:
"L'amore non va in vacanza"
carino dai, ma "Tutto può succedere" mi piacque molto di più
_________________
Fortunatamente, secondo la moderna astronomia, l'universo è finito: un pensiero consolante per chi, come me, non si ricorda mai dove ha lasciato le cose.

  Visualizza il profilo di thetourist  Invia un messaggio privato a thetourist     Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 | 37 | 38 | 39 | 40 | 41 | 42 | 43 | 44 | 45 | 46 | 47 | 48 | 49 | 50 | 51 | 52 | 53 | 54 | 55 | 56 | 57 | 58 | 59 | 60 | 61 | 62 | 63 | 64 | 65 | 66 | 67 | 68 | 69 | 70 | 71 | 72 | 73 | 74 | 75 | 76 | 77 | 78 | 79 | 80 | 81 | 82 | 83 | 84 | 85 | 86 | 87 | 88 | 89 | 90 | 91 | 92 | 93 | 94 | 95 | 96 | 97 | 98 | 99 | 100 | 101 | 102 | 103 | 104 | 105 | 106 | 107 | 108 | 109 | 110 | 111 | 112 | 113 | 114 | 115 | 116 | 117 | 118 | 119 | 120 | 121 | 122 | 123 | 124 | 125 | 126 | 127 | 128 | 129 | 130 | 131 | 132 | 133 | 134 | 135 | 136 | 137 | 138 | 139 | 140 | 141 | 142 | 143 | 144 | 145 | 146 | 147 | 148 | 149 | 150 | 151 | 152 | 153 | 154 | 155 | 156 | 157 | 158 | 159 | 160 | 161 | 162 | 163 | 164 | 165 | 166 | 167 | 168 | 169 | 170 | 171 | 172 | 173 | 174 | 175 | 176 | 177 | 178 | 179 | 180 | 181 | 182 | 183 | 184 | 185 | 186 | 187 | 188 | 189 | 190 | 191 | 192 | 193 | 194 | 195 | 196 | 197 | 198 | 199 | 200 | 201 | 202 | 203 | 204 | 205 | 206 | 207 | 208 Pagina successiva )
  
0.230370 seconds.






© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: