Il buongiorno del mattino
Quando il regista della romantica commedia "Notthing Hill", Roger Michell e la sceneggiatrice del frizzante "Il Diavolo veste Prada", Aline Brosh McKenna, si incontrano sul set cinematografico non può che uscirne una commedia brillante e briosa, come appunto "Il buongiorno del mattino", il cui titolo originale inglese è "Morning Glory".
E’ una pellicola romantica e sofisticata, dall’impianto decisamente classico con una vena edificante e soprattutto dalla sceneggiatura alquanto prevedibile, ma in fondo "Il buongiorno del Mattino" vuole essere, ed è a tutti gli effetti, un film di intrattenimento. Negli Stati Uniti durante il primo week-end ha incassato nelle sale cinematografiche circa 9 milioni di dollari per raggiungere complessivamente oltre 48 milioni di dollari. Segno evidente di come il pubblico non solo ami sognare, ma soprattutto apprezzi vedere realizzato il "sogno americano", se a questo si aggiunge un cast d’eccezione, come Harrison Ford, Diane Keaton, Jeff Goldblum, Ty Burrell, Rachel McAdams e Patrick Wilson, ecco che la "frittata è fatta". Sì, perché è proprio grazie ad una frittata che tutto sembrerà risolversi per il meglio. Non è la prima volta che nel cinema si ricorda questo particolare alimento di origine italiana, ma qui diventa una sorta di "deus ex machina" (nel teatro greco e latino un attore nei panni di una divinità interveniva nella scena per risolvere una situazione intricata), grazie a cui i segreti vengono svelati e si raggiunge il tanto sospirato finale.
E’ una commedia piacevole caratterizzata da sequenze ben costruite, atte ad esaltare i vizi e le virtù dell’essere umano, giocando proprio su questi aspetti e ridendoci sopra con ironia e sagacia, sebbene a volte vi siano delle cadute di tono, che la appesantiscono.
L’originalità non è affidata alle capacità del regista bensì ai dialoghi a volte sconclusionati, ai battibecchi fulminanti fra i personaggi principali. A dominare il set sono immancabilmente Harrison Ford, Diane Keaton e Jeff Goldblum, mentre la giovane protagonista Rachel McAdams non riesce a conquistare il pubblico, anzi, forse a causa delle sue leziose "mossette" e dell’eloquio torrenziale, crea un personaggio sopra le righe, alquanto surreale che lascia sconcertato lo spettatore.

La frase: "Metà della gente vi segue perché ha perso il telecomando e l’altra metà aspetta che la badante cambi canale".

Federica Di Bartolo

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.














I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per C'era una volta il crimine (2022), un film di Massimiliano Bruno con Marco Giallini, Carolina Crescentini, Edoardo Leo.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: