FilmUP.com > Recensioni > La banda dei tre
HomePage | Prossimamente | Settimana precedente | Archivio x settimana | Archivio

La banda dei tre

La recensione del film a cura della Redazione di FilmUP.com

di Francesco Lomuscio12 ottobre 2019Voto: 6.0
 

  • Foto dal film La banda dei tre
  • Foto dal film La banda dei tre
  • Foto dal film La banda dei tre
  • Foto dal film La banda dei tre
  • Foto dal film La banda dei tre
  • Foto dal film La banda dei tre
Sognatori convinti di cambiare il mondo e che spacciano hashish e marijuana ne abbiamo?
Secondo quanto raccontato ne “La banda dei tre”, presentato in anteprima presso l’edizione 2019 del Terni Pop Film Fest – Festival del cinema popolare, sembrerebbe proprio di sì.
A otto anni da quel “5 (Cinque)” che, comprendente nel cast anche un ancora sconosciuto Alessandro Borghi, tentò in maniera evidente di cavalcare l’onda del successo di “Romanzo criminale” sul grande e sul piccolo schermo, il romano Francesco Maria Dominedò torna dietro la macchina da presa recuperando dal precedente lungometraggio, tra l’altro, il cesaroniano Matteo Branciamore, qui provvisto di baffetti.

Soltanto uno dei nomi inclusi nel ricco comparto attoriale che, tra un Mirko Frezza, un Ivan Franek e una Francesca Della Ragione, include Roberta Mattei, un Carlo Buccirosso commissario e un biondo ossigenato Marco Bocci in qualità di protagonista.
Un protagonista privo di telefono cellulare, di social network e, soprattutto, di amici che, di nome Carl(it)o Bambola, altro non è che un agente infiltrato della narcotici che gioca a fare il duro ma che poi, in realtà, si vergogna anche di dichiararsi alla donna che ama.
Un protagonista che vede sfumare il proprio intento di sequestrare un’ingente quantità di droga a causa dell’inaspettato intervento di una combriccola di malviventi russi, finendo per trovarsi affiancato proprio dai due individui che avrebbe dovuto incastrare: Silvano, ex tossicodipendente in crisi mistico-religiosa, e Tony Piccolo, irascibile nano dal grilletto facile, ovvero Francesco Pannofino e Aldo Marinucci.
Nano che, tra l’altro, dichiara grottescamente di tenere in maniera particolare all’ecologia e che conferisce alla circa ora e quaranta di visione, insieme alle gemelle biologiche dette “le benedette”, sue fidanzate, un certo sapore da celluloide surreale tipico di determinate figure del cinema di Alejandro Jodorowsky e di Ken Russell.

Man mano che, a tratti, è possibile avvertire anche un certo retrogusto proveniente dalle opere dello spagnolo Álex de la Iglesia, in un connubio di action movie e commedia che attinge direttamente dal romanzo di Carlo Callegari caratterizzato dallo stesso titolo del film, ma apportandovi diverse modifiche (a cominciare dal piuttosto modificato personaggio di Silvano) e sacrificandone diversi punti al fine di rendere più snella e adatta alla sala la narrazione.
E, se l’uso del fermo immagine e il ricorso allo split screen testimoniano, inoltre, l’influenza proveniente dall’universo dei fumetti (con “SuperGulp!” e il gruppo TNT in testa), l’assurda introduzione di risate fuori campo da sitcom in particolari punti dell’operazione vuole essere un dichiarato omaggio al popolare telefilm “Il mio amico Arnold”.
Telefilm risalente agli anni Settanta, come pure i poliziotteschi italiani e il “Milano calibro 9” di Fernando Di Leo cui si rifà la ritmata colonna sonora a firma di Andrea Filippucci... quando, tra un inseguimento automobilistico e una sparatoria nel bosco, a fare da commento non è “Su di noi” di Pupo, oltretutto coinvolto in una fugace, esilarante apparizione.


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.


I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Vulnerabili (2017), un film di Gilles Bourdos con Alice Isaaz, Vincent Rottiers, Grégory Gadebois.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: