Collateral
Ogni volta che vedo un film di Michael Mann imparo sempre cose nuove. In "Collateral", presentato fuori concorso alla 61° Mostra del Cinema di Venezia, ho scoperto che si può girare un film a Los Angeles riprendendola come fosse un pianeta completamente tappezzato di strade e palazzi sulla quale una navicella sta per atterrare. Ho scoperto che si può girare un film in digitale (oltre l'80% del girato) facendola sembrare la grana di una vecchia pellicola di celluloide. Ho scoperto che in unica scena puoi far vedere contemporaneamente il protagonista in primo piano in basso a destra ed in alto, nell'angolo opposto, una finestra illuminata di un grattacielo dove sta per avvenire un delitto.
Il realizzatore di film come "Insider" è uno dei registi viventi maggiormente dotati di una tecnica cinematografica fuori dal comune e questo film non fa che confermarlo, anche se, rispetto ad altre sue opere, "Collateral" emoziona un po' di meno. Pecca in tensione drammatica, causa, forse, alcuni momenti delle storia che in alcuni suoi sviluppi non appare sempre convincente. Storia che racconta di Max (Jamie Foxx) un tassista notturno che viene sequestrato da Vincent (Tom Cruise), un killer professionista che deve uccidere nell'arco di una notte sei persone, testimoni collegati ad una inchiesta su una banda di narcotrafficanti.
Max, sotto minaccia, dovrà condurre Vincent dale sue vittime. Le cose, però, vanno storte e Max, suo malgrado, si vedrà costretto a collaborare con il suo aguzzino per cercare di uscire da una situazione diventata pericolosissima. Alla fine di quella notte, il mutuo aiuto tra i due protagonisti comporterà che i contorni tra il carnefice e la sua vittima non appaiano più così netti e distinti...
La delicata situazione psicologica venutasi a creare fornisce l'occasione a Mann ed al suo sceneggiatore Stuart Beattie (autore del soggetto de "La maledizione della prima luna") di descrivere i personaggi facendoceli scoprire a poco a poco. Max è una persona gentile, discreta, con un sogno che aspetta di realizzare da ormai dodici anni. Le sue risposte sono caute, sempre improntate ad un ponderato equilibrio. Tutto il contrario di Vincent, che invece ha una risposta per tutto, forte di una ferrea filosofia che non ammette dubbi di sorta e che fa del "Tutto subito e ad ogni costo" il suo caposaldo.
Mann usa la macchina da presa come una sonda. I suoi primi piani dicono molto di più di mille parole grazie anche alla sua capacità di ottenere il meglio dai suoi attori. Sia quando è alle prese con un cavallo di razza come Tom Cruise (colpisce all'inizio del film vederlo con i capelli brizzolati ed un sorriso ferino), sia quando lavora con attori meno conosciuti come Jamie Foxx (bravissimo nel cambio di registro quando da mite tassista deve improvvisarsi sanguinario killer). Tutto ciò è frutto dello scrupolo e della meticolosità con la quale il regista lavora (la brava e bella Jada Pinkett Smith - nel ruolo dell'avvocato della pubblica accusa - ha affiancato per mesi un vero procuratore) e della capacità di trasmettere il proprio pensiero agli interpreti che lo assecondano magnificamente.

Daniele Sesti

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale: conferenza stampa.














I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Black Christmas (2019), un film di Sophia Takal con Imogen Poots, Cary Elwes, Brittany O'Grady.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: