Anything else
Ormai il film di Allen è una sorta di rito autunnale. Il cineasta newyorkese ogni anno sforna una nuova pellicola che, seppur con alti e bassi, mantiene sempre un livello decoroso. Personalmente l'Hollywood Endings dell'anno scorso non mi aveva esaltato, mentre quest'anno il prodotto è decisamente più godibile. Tutto molto confortante a partire dai classici titoli in bianco su sfondo nero accompagnati dall'onnipresente jazz; gli attori sempre in rigoroso ordine alfabetico (che guarda caso garantisce al buon "A"llen il primo posto - salvoeventi clamorosi) fino alle carrellate sull'amatissima New York.
Il protagonista Jerry Falk - un Jason Biggs rigenerato dopo l'orrore a stelle e strisce targato American Pie - potrebbe ricordare lo stesso Allen con le sue nevrosi, le sue insicurezze e le interminabili sedute di psicanalisi, ma non è che uno specchietto che consente all'autore di diventarelo psicologo di se stesso, infatti nei panni di David Dobbel elargisce al povero perle di saggezza su come affrontare la vita.
Jerry è uno scrittore che tira avanti con copioni per cabarettisti notturni, ma che vorrebbe qualcosa di più. Purtroppo l'incapacità di imporsi è alla base di tutti i suoi fallimenti o meglio delle mancate realizzazioni come il rapporto con il suo agente Harvey (Danny de Vito / Man on the Moon), un incapace totale, o meglio una sorta di Jerry Maguire con tendenza da sarto. Anche la vita con la sua compagna Amanda (Christina Ricci / Il mistero di Sleepy Hollow) risente pesantemente di queste sue insicurezze. Di fatto Jerry è la banderuola di Amanda che nel suo egoismo scarica su di lui frustrazioni e problemi, non ultima la madre Paula (Stockard Channing / Grease). Del tutto casualmente Jerry incontra David (Allen) sessantenne scrittore come lui, ma apparentemente meno vittima di se stesso. David è deciso a dare una svolata alla sua vita ed a trascinare con se Jerry verso un nuovo modo di vivere. L'amore a prima vista forse non è poi così perfetto.
Un ritmo sempre ben bilanciato, condito dalle caustiche battute in puro stile Allen, in grado di rissollevare qualunque momento "morto", rendono la comedia molto godibile e non solo per i fans. E poi l'escamotage di Biggs che si rivolge direttamente agli spettatori, assurti anche loro a ruolo di psicoterapeuti aggiunge quel pizzico di coinvolgimento in più.

Memorabile la conversazione serale tra Jerry e la sua ragazza tipico esempio di calma prima delle tampesta:
Lei: "Amanda è carina, vero?"
Lui: "Mah... non poi tanto..."
Lei: "Non la trovi sexy?"
Lui: "Mah.. c'è chi la può considerare così..."
cosa accadrà dopo è del tutto superfluo da dire per chiunque abbia avuto una relazione.

La frase:
"Ti masturbi? Io lo preferisco a fare sesso. Ieri sera mi sono messo su una cosetta a tre: io, Marilyn Monroe e Sophia Loren. Credo, tra l'altro, che fosse la prima volta che le due grandi attrici apparissero insieme."

Indicazioni:
per tutti quelli che amano le commedie dove si sorride senza volgarità.

Valerio Salvi

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.














I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Vulnerabili (2017), un film di Gilles Bourdos con Alice Isaaz, Vincent Rottiers, Grégory Gadebois.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: