Un tocco di zenzero
"Cucina politica", il titolo originale. E dall'originale fa sempre piacere partire. Perché descrive più del film, almeno a livello tentativo, di quanto non lo facciano le spesso strampalate traduzioni italiane, incanalate tra storpiature esemplificative e marzulliani sottotitoli.
E così, un film che assume come valori fondanti quelli della cucina come metafora della vita (fatto di per se strano, ma non denigrabile per questo a priori in fase enunciativa), si trasforma banalmente in "Un tocco di zenzero", titolo che può essere utile in fase di metabolizzazione di un visto, ma sicuramente sterile e inutile come introduzione/approccio al film.
Al di là della pertinenza e dell'appropriatezza di traduzione del titolo, il film è altrove difficilmente difendibile. Lo stile da commedia etnica cerca di essere smentito da arditi piani sequenza in digitale, che presentano la Istanbul/Costantinopoli alla stregua di una città da Mille e una notte, piuttosto che da Signore degli Anelli, in contrasto con un qual certo "verismo" portato avanti dal resto della pellicola.
Il cibo e la cucina sono il veicolo tramite il quale raccontare l'amore di una gente per la propria terra, per i propri valori. La famiglia di Fanis si trova nella difficile situazione di essere una famiglia greca di Costantinopoli, quando i rapporti tra Turchia e Grecia sono tutt'altro che buoni. Il piccolo Fanis è costretto a emigrare, ma anche una volta grande, il filo invisibile che lo lega alla sua terra, ma soprattutto al suo amato nonno, Vassilis, mai più rivisto dall'epoca dell'espatrio, rimane saldo nel suo cuore e, verrebbe da dire, nelle sue papille gustative.
La struttura narrativa si divide in modo abbastanza scolastico tra presente filmico e flashback, saltando dall'uno all'altro in modo un po' confuso e discontinuo, cosa che non va ad incidere molto tuttavia sul girato. La regia è, d'altra parte, senza corpo e senz'anima. Non c'è un'idea di regia a supporto di una intelaiatura di film che dopo la prima mezz'ora si rivela inscatolata in topos ben precisi e intrisa di marchette e personaggi abbastanza inverosimili. Non aiuta poi, come già accennato, la ricerca di piani in digitale totalmente estranei e lontani dal senso cinematografico della messa in scena.
La sceneggiatura poi, deve essere di continuo sostenuta da una voce narrante, identificata in quella del protagonista, che esemplifica gli snodi narrativi e illustra pedantemente un continuo forzoso raffronto tra le vicende vissute e l'ambiente e i sapori della cucina. Il film di Boulmetis, che buca almeno tre o quattro volte il finale, rimane così un'opera magari piacevole per un target familiare alla prima visione, del quale però non si sentirà la necessità di una seconda lettura.

La frase: "...tu cucinerai per me, e io ballerò per te..."

La curiosità: "Un tocco di zenzero" è stato il film candidato alla nomination agli Oscar 2005 come miglior film greco.

Pietro Salvatori

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.














I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
Cattive acque (V.O.) | La Dea Fortuna | Cena con delitto - Knives Out | Judy | Il richiamo della foresta (V.O.) | Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn | Paradise | Jojo Rabbit | Gli amanti passeggeri | Ora e sempre riprendiamoci la vita | Cats (V.O.) | Il mistero Henri Pick (V.O.) | Villetta con ospiti | Il lago delle oche selvatiche | Antropocene - L'epoca umana | Qualcosa di meraviglioso | Parasite | Alla mia piccola Sama (V.O.) | Herzog incontra Gorbaciov | Il traditore | Me contro Te - La vendetta del Signor S | L'hotel degli amori smarriti | Il richiamo della foresta | Jumanji - The Next Level | Herzog incontra Gorbaciov (V.O.) | Tolo Tolo | Hammamet | Jojo Rabbit (V.O.) | Bad Boys for Life (V.O.) | Dio è donna e si chiama Petrunya | Alla mia piccola Sama | 1917 (V.O.) | Midsommar - Il villaggio dei dannati | Richard Jewell | Playmobil The Movie | Un Giorno di Pioggia a New York | Il paradiso probabilmente | Tappo - Cucciolo in un Mare di Guai | La Famosa Invasione degli Orsi in Sicilia | Parasite (V.O.) | 1917 | Richard Jewell (V.O.) | Sulle ali dell'avventura | Sorry We Missed You | Memorie di un assassino (V.O.) | Piccole donne (V.O.) | La ragazza d'autunno (V.O.) | Memorie di un assassino | Fabrizio De André e PFM - Il concerto ritrovato | Alice e il sindaco | Gli anni più belli | Piccole donne | Cats | Spie sotto copertura | La ragazza d'autunno | Frozen 2 - Il Segreto di Arendelle (NO 3D) | Sonic il Film | Criminali come noi | La mia banda suona il pop | Cattive acque | Il diritto di opporsi | L'hotel degli amori smarriti (V.O.) | Alice e il sindaco (V.O.) | 18 regali | Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre | Pinocchio | Fantasy Island | Amarcord | Dolittle | Paw Patrol Mighty Pups - Il film dei super cuccioli | Bad Boys for Life | Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn (V.O.) | Odio l'estate | L'A.S.S.O. nella manica | Lontano lontano | Figli |
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Black Christmas (2019), un film di Sophia Takal con Imogen Poots, Cary Elwes, Brittany O'Grady.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: