The Messengers
"The messengers" sulla carta si presentava come un'operazione interessante.
Non il solito remake di un film orientale diretto dallo stesso regista, come nel caso di "The ring 2", o "The grunge 2", ma un progetto interamente americano diretto da due registi taiwanesi, i gemelli Pang, conosciuti da noi per film come "The eye".
Si poteva sperare in una reale contaminazione tra l'horror di stampo asiatico e quello americano, tanto più che a produrre il film era la casa di produzione di Sam Raimi... e invece l'operazione si è rivelata un mezzo fallimento già prima di entrare nelle sale. La pellicola in seguito ad uno screening test negativo aveva convinto Raimi a rigirare alcune scene, il fatto strano è che ad occuparsene non sono stati i gemelli Pang, ma un altro regista.

Il motivo per cui il film non ha riscosso grande successo è probabilmente da ricercarsi in una trama terribilmente scontata e nell'incapacità di creare un vero interscambio tra i due generi horror.
Il contesto è il più tipico e noto possibile: una casa isolata nella campagna rurale americana, dove anni prima erano stati commessi efferati delitti e ora abitata dalla tipica famiglia americana, padre, madre, una figlia adolescente e un figlio piccolo, scappati dalla grande città per ritrovare pace e serenità.
Nella casa infestata però non si aggirano né zombi, né mostri ma i tipici fantasmi giapponesi, con tanto di capelli lunghi e neri e occhi bianchi e cerchiati.
Il film soffre proprio di questa dicotomia: le riprese sono all'interno della casa, i movimenti di macchina, i rumori, il montaggio riprendono tutti gli stilemi del cinema horror orientale, quando invece siamo all'esterno lo stile americano la fa da padrone, con attacchi di corvi e distese di campi coltivati.
"The Messenger" così perde organicità e non riesce a creare tensione, in particolare l'ambiente esterno non è congeniale ai Pang che non riescono mai a sfruttarne il potenziale, concentrando tutti i momenti di forte tensione all'interno dell'abitazione.
Non si può dire però che i Pang non abbiano studiato, i riferimenti ad altri film horror si sprecano e per non far torto a nessuno le citazioni vengono prese tanto da film americani che da quelli orientali si va da "Uccelli" di Hitchcock a "The giunge", da "The Amityville Horror" a "Dark water", da "Il Sesto senso" a "The Ring" e ancora "Psycho", fino a "Shining", così tra una citazione e l'altra quello che veramente manca sono le emozioni e la creatività.

La frase: "Li hai visti anche tu, non è vero?"

Elisa Giulidori

Scrivi la tua recensione!


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.














I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Il Gatto con gli Stivali 2 - L'ultimo desiderio (2022), un film di Joel Crawford con Antonio Banderas, Salma Hayek, Olivia Colman.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: