FilmUP.com > Forum > Sondaggi - Un giudizio su Von Trier
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > interAction > Sondaggi > Un giudizio su Von Trier   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 )
Un giudizio su Von Trier
Ganiale 8 53.3%
Noioso 1 6.7%
Inutile 3 20%
Mi lascia indifferente 0 0%
Il più grande 1 6.7%
Non lo capisco 1 6.7%
Non so manco chi sia 1 6.7%
Totale 15 100%

Autore Un giudizio su Von Trier
alessio984

Reg.: 10 Mar 2004
Messaggi: 6302
Da: Napoli (NA)
Inviato: 31-01-2005 22:10  
un'impastatrice industriale che mescola e sciorina la crema per le scale.

De Palma non mi è mai dispiaciuto. I suoi virtuosismi registici mi hanno sempre masturbato l'occhio.
_________________
Preferiremmo volare sulla luna piuttosto che dire le parole giuste quand'è tempo di dirle

  Visualizza il profilo di alessio984  Invia un messaggio privato a alessio984  Email alessio984    Rispondi riportando il messaggio originario
Marienbad

Reg.: 17 Set 2004
Messaggi: 15904
Da: Genova (GE)
Inviato: 31-01-2005 23:14  
quote:
In data 2005-01-31 22:10, alessio984 scrive:

De Palma non mi è mai dispiaciuto. I suoi virtuosismi registici mi hanno sempre masturbato l'occhio.





  Visualizza il profilo di Marienbad  Invia un messaggio privato a Marienbad     Rispondi riportando il messaggio originario
Marienbad

Reg.: 17 Set 2004
Messaggi: 15904
Da: Genova (GE)
Inviato: 31-01-2005 23:16  
quote:
In data 2005-01-31 21:54, MaratSafin scrive:
In effetti sì , io intendevo questo:
quote:
In data 2005-01-31 19:22, Marienbad scrive:
Dogmatico in tutto e per tutto, ma sempre lineare e serrato.


Cmq. fa nulla, anche se mi sono stufato di quotare Marien, che fra l'altro mi preferisce Daniel. Fra un'ora compilo una lista anch'io.



...
_________________
Inland Empire non l'ho visto e non mi piace

  Visualizza il profilo di Marienbad  Invia un messaggio privato a Marienbad     Rispondi riportando il messaggio originario
oldboy83

Reg.: 06 Gen 2005
Messaggi: 4398
Da: Mogliano (MC)
Inviato: 01-02-2005 12:27  
Geniale ma odiato dai più non so neanche io perchè! Mereghetti lo odia! Dancer in the dark è un capolavoro!!
_________________
Una sola cosa è certa: da questa vita non ne usciremo vivi.

  Visualizza il profilo di oldboy83  Invia un messaggio privato a oldboy83  Email oldboy83  Vai al sito web di oldboy83     Rispondi riportando il messaggio originario
Marienbad

Reg.: 17 Set 2004
Messaggi: 15904
Da: Genova (GE)
Inviato: 01-02-2005 13:19  
Dancer in the dark, purtroppo, è il peggiore tra tutti i film del regista danese (da qualche parte spiegai anche il perchè...).
Dogville non l'ho ancora visto, e non mi pronuncio.
Idioterne il migliore e The Kingdom (la prima serie), è un prodotto straordinario.
Ah, perdibile anche L'elemento del crimine, barocco e morboso.
_________________
Inland Empire non l'ho visto e non mi piace

  Visualizza il profilo di Marienbad  Invia un messaggio privato a Marienbad     Rispondi riportando il messaggio originario
Michi81

Reg.: 08 Giu 2004
Messaggi: 3120
Da: Lugano (es)
Inviato: 01-02-2005 14:26  
quote:
In data 2005-01-31 14:43, Petrus scrive:
mi accodo a marat dicendo "un autore"


prima veniva Ayrtonit comunque
_________________
"Mi esposa era al fiume, a lavare, un gringo l'aggredì e la voleva.."

  Visualizza il profilo di Michi81  Invia un messaggio privato a Michi81    Rispondi riportando il messaggio originario
willoz

Reg.: 08 Mar 2004
Messaggi: 3701
Da: trento (TN)
Inviato: 01-02-2005 14:28  
quote:
In data 2005-02-01 13:19, Marienbad scrive:
Dancer in the dark, purtroppo, è il peggiore tra tutti i film del regista danese (da qualche parte spiegai anche il perchè...).
Dogville non l'ho ancora visto, e non mi pronuncio.
Idioterne il migliore e The Kingdom (la prima serie), è un prodotto straordinario.
Ah, perdibile anche L'elemento del crimine, barocco e morboso.




ottima.

chissa se ti piacerà Dogville...
_________________

  Visualizza il profilo di willoz  Invia un messaggio privato a willoz    Rispondi riportando il messaggio originario
Ayrtonit
ex "ayrtonit"

Reg.: 06 Giu 2004
Messaggi: 12883
Da: treviglio (BG)
Inviato: 01-02-2005 14:30  
quote:
In data 2005-02-01 14:26, Michi81 scrive:
quote:
In data 2005-01-31 14:43, Petrus scrive:
mi accodo a marat dicendo "un autore"


prima veniva Ayrtonit comunque



facciamo un bel trenino, senza problemi!

  Visualizza il profilo di Ayrtonit  Invia un messaggio privato a Ayrtonit    Rispondi riportando il messaggio originario
PLAYMOBIL

Reg.: 25 Ott 2004
Messaggi: 327
Da: roma (RM)
Inviato: 01-02-2005 14:31  
Un genietto abbastanza irritante.

Ma Dogville lo adoro.
_________________
E' dopo che si capisce tutto.

  Visualizza il profilo di PLAYMOBIL  Invia un messaggio privato a PLAYMOBIL    Rispondi riportando il messaggio originario
vietcong

Reg.: 13 Ott 2003
Messaggi: 4111
Da: roma (RM)
Inviato: 01-02-2005 15:28  
quote:
In data 2005-02-01 14:26, Michi81 scrive:
quote:
In data 2005-01-31 14:43, Petrus scrive:
mi accodo a marat dicendo "un autore"


prima veniva Ayrtonit comunque





Direi che è questo il punto.

Trovo molto significativo che più d'uno al momento di definire Von Trier l'abbia subitaneamente (immagino) associato alla parola "autore"

Significativo, perchè secondo me Von Trier è autore per il puro gusto di esserlo. Come se se lo fosse imposto: "adesso faccio il cinema, e lo faccio da Autore". Si può quasi parlare di autorialità 'vuota', ed è per questo che trovo il suo approccio molto interessante e rivelatore dello stato attuale del cinema.

La natura per così dire formale di questa autorialità, emerge dal modo in cui ad ogni nuovo film stabilisce, piuttosto arbitrariamente, un espediente formale diverso. Atteggiamento tutto sommato cinico (ecco un ottima definizione). Dogma puro, dogma più musical, pseudoteatro… È difficile giustificare tali scelte da esigenze puramente narrative: esse sono in qualche modo il brand, la firma del genio, che deve essere in fondo il vero protagonista della visione. Le Cinque Variazioni dovrebbe confermare questo approccio alla forma come variabile imposta dall’esterno.

Sul piano dei contenuti. Gli autori classici del periodo d’oro – Bergman Kurosawa Fellini Bunuel – diventavano tali anche per la forza della loro riflessione (umanistica) sul mondo, che si evinceva di film in film. Dal basso della mia conoscenza mi sembra che Von Trier abbia fra i pochi temi ricorrenti la continua vessazione di una fanciulla che passa travagli incredibili: qualcosa di troppo idiosincratico e bizzarro perché si possa definire una ‘poetica’ o perché possa incrementare la consapevolezza individuale di chiunque. Questo atteggiamento sadico conferma del resto la sua necessità egoistica di essere il vero protagonista del film.
Ritengo che Von Trier semplicemente non abbia la forza intellettuale degli autori sopraccitati, che plasmavano la forma dall’interno della loro ispirazione, ma che pure riesca ad essere autore lavorando sulla confusione e proliferazione dei linguaggi visivi attuali.

Ogni epoca ha ciò che si merita.



(ribadisco che ho visto solo due film e ho letto solo qualche saggio/articolo)

_________________
La realtà è necessaria a rendere i sogni più sopportabili

  Visualizza il profilo di vietcong  Invia un messaggio privato a vietcong    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 )
  
0.114008 seconds.






© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: