FilmUP.com > Opinioni > I ragazzi della mia vita
HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


I ragazzi della mia vita

Opinioni presenti: 19
Media Voto: Media Voto: 9 (9/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



COINVOLGENTE!

(9/10) Voto 9di 10

L'ho visto diverse volte ed ogni volta mi commuovo. Lo rivedo sempre con piacere. Me ne frego di quello che scrivono i cosiddetti "critici"!!!



Silvana, 59 anni, Lucca (LU).




veramente bello

(9/10) Voto 9di 10

Un film che si può dire bello!!!! e drew barrymore in questo ruolo è stata fantastica!!



Denis, 20 anni, Genova (GE).




un bellissimo film

(10/10) Voto 10di 10

il film è molto coinvolgente, molto divertente, soprattutto all'inizio. Con l'andare avanti, il film diventa anche drammatico toccando temi come la maternità, la famiglia, il matrimonio, la droga e l'intelligenza della protagonista(Drew Barrymore) che è legata al suo paese che non riesce ha lasciare per i problemi del marito e del figlio. Per delle persone sensibili ci può scappare anche qualche lacrima. Bravi gli attori e bellissima sceneggiatura.



Visconti, 17 anni, Pisa (PI).




Gradevole quadro di un disastro....quello della generazione del '68

(6/10) Voto 6di 10

Questo film tratto da una storia vera autobiografica sembra elidere il confine tra finzione e realtà.Da un punto di vista cinematografico la protagonista fa fatica a darci la sensazione dei periodi estremamente lontani tra presente ed i lunghissimi flashback, sembra sempre la solita. Steve Zahn,il marito drogato,è stato sicuramente più bravo e convincente, nell'ultima scena si vede un uomo distrutto dalla droga,una larva in cui c'è ancora una piccola luce di umanità nel legame col figlio ed è bravissimo.Il film è sicuramente piuttosto lungo e qualche sforbiciata l'avrebbe reso più godibile. Anche il figlio Jamieson,nel ruolo di ventenne,è bravo e convincente.Nel complesso è un buon film, niente di trascendentale, ma risulta piacevole. Da un punto di vista della vicenda umana invece è lo spaccato,su cui riflettere,di un disastro,la protagonista,che pare rifiutare a più riprese questo povero figlio,solo e spezzato in una vita tanto dura, quanto invece lo era stata facile per lei (nel crescere nella famiglia del padre poliziotto),alla fine si confessa ed al figlio che le dice di essere stato il suo"problema"risponde con sincerità che quensto non vero anzi al contrario lui l'ha salvata dal"problema" esistenziale che era dentro di lei e dentro la sua generazione.Ecco credo sia qui la spiegazione del film,l'incidente della nascita di questo povero piccolo la salva, con tutte le sue necessità a cui lei viene continuamente richiamata, dallo sbandamento della sua generazione. Quella del'68 che si perse tra la droga, la perdita di ogni riferimento e valore,la perdita del senso etico dell'esistenza,e che si servì della guerra Vietnam(come tante altre precedenti e successive)come pretesto per rifiutare le responsabilità e gli impegni che la vita impone. Una generazione "marcia dentro"che ha lasciato macerie ovunque sia passata,ed i figli di questi hanno messo lacrime e sangue per ritrovare un equilibrio,(quando ci sono riusciti).In questo senso la storia è impietosa e sincera,quel bambino la salva dagli sbandamenti,la tiene lontana da quello che accadeva intorno (cosa che evidentemente non vive il padre).La fa crescere duramente,lei immatura che aveva la presunzione di essere "grande e autonoma" come migliaia della sua generazione del "disastro".Dovrà crescere per forza e quel figlio più adulto e maturo di lei la obbliga a fare i conti con se stessa, quei conti che non voleva assolutamente fare.L'ultima scena della riappacificazione col padre è giocata sull'ironia del silenzio,lei dice che suo figlio la riproverava di non aver fatto abbastanza per lui e mentre lo dice si rende conto che è proprio così,lui ha pagato gli errori della madre e non viceversa, ed allora il padre poliziotto sorride in silenzio..lei forse solo adesso sta cominciando a capire,a crescere,ed il padre l'abbraccia mentre guida.E' la metafora dell'abbraccio che tanti della generazione del'68 hanno avuto poi negli anni'80 e'90 con i loro genitori, nel riconoscimento dei loro enormi errori.



Umberto, 49 anni, Livorno (LI).




Come sempre...

(8/10) Voto 8di 10

...i critici non capiscono un benemerito. Il film l'ho trovato molto carino. Non pretende di essere un capolavoro, e per questo ci si avvicina. Lo reputo una delle poche belle commedie americane che mi sia capitato di vedere. Ottimo il finale e ottime le interpretazioni. C'è sintonia tra la Murphy e la Barrymore. Ed è strepitoso woods nel ruolo del padre, così come Zhan in quello del padre sbandato. La scena in cui padre e filgio si reincontrano in una sporca e cadente roulotte la trovo molto ben riuscita e toccante.



Daniele Manca, 25 anni, Grugliasco (TO).





Sfoglia indietro   pagina 1 di 4   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Hopper e il Tempio Perduto (2022), un film di Ben Stassen con Danny Fehsenfeld, Donte Paris, Joe Ochman.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: