HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


Moon

Opinioni presenti: 45
Media Voto: Media Voto: 8 (8/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



Camomilla e valeriana

(5/10) Voto 5di 10

Per me questo film è stato di una noia travolgente. Praticamente sono stata tramortita dal tedio. Deve essermi sfuggito qualcosa, evidentemente, visto che le altre recensioni sono positive. L'unica cosa di positivo è stata la mancanza di effetti speciali che avrebbero potuto dare uno sgradevole scossone al mio tranquillo torpore. Consigliato a chi ha problemi di sonno.



Paola, 52 anni, Orte (VT).




Finalmente torna la Fantascienza

(10/10) Voto 10di 10

Finalmente. Nessuna immagine digitale ma modellini alla Ufo Shado, ambientazioni sobrie ma coinvolgenti alla 2001 Odissea nello spazio, una storia di per se' forse non originalissima, ma decisamente ben congegnata ed accattivante. Che dire, imperdibile per i veri amanti del genere...peccato che ovviamente in Italia lo stanno distribuendo in poche copie ma, si sa, se non ci sono bellezze femminili esposte o fuochi artificiali roboanti ti snobbano.....



Maurizio, 47 anni, Genova (GE).




Di certo non una luna piena.

(6/10) Voto 6di 10

Se paragonato al ciarpame submovie che circola e appesta orbite e menti di tutti gli appassionati di SF, Moon è una boccata d'ossigeno. Una boccata a metà, però. Non basta la bravura di Sam Rokwell a sdoganare il film che è affetto da rachitismo (sfacciatamente voluto ed esibito). Moon parassita idee trite e viste mille volte (non necessariamente al cinema), e l'ascetica via scelta dal figlio di Bowie funziona solo a tratti; senza veri sussulti (che il film prima ancora di iniziare, preannuncia statici e di routine). Pochino e la modestia dilaga. La verità è che per quanto fuori del coro, parliamo di un prodotto confezionato fuori tempo, non aggiornato, per un pubblico di spettatori semiestinto, che non punta all'originalità, ma si affianca (con 20/30 anni di ritardo), a epigoni ben più credibili.



alberto, 46 anni, martellago (VE).




Un nodo alla gola

(10/10) Voto 10di 10

Non si può non soffrire, vedendo Moon, assieme al protagonista che scopre che la sua vita è fasulla, è una presa in giro, e lui viene considerato meno di niente dai suoi datori di lavoro. Emblematico il disumano "ritorno a casa" dei vari cloni, nella navicella che li avrebbe dovuti ricondurre a casa con un viaggio in ibernazione di 3 giorni, e invece... L'unico essere "umano" nel vero senso della parola con cui i protagonisti hanno a che fare è Gerty, il robot...e questo la dice lunga... Straziante la videochiamata di Sam a sua figlia, quel "Voglio tornare a casa" così angosciante non può lasciare indifferenti. era un pezzo che non mi entusiasmavo così per un film, forse da The Island, altro film con tema simile. Ed è stato fatto con un budget ridicolo e con in pratica un solo attore... Perchè Sam Rockwell non è stato nominato per un Oscar? Senza il titolo altisonante è vietato? Grazie a Sky per aver proposto questo film!



Ilaria, 46 anni, Cervia (RA).




Il mistero più grande

(8/10) Voto 8di 10

Splendido esordio (al lungometraggio) del Regista Duncan Jones, figlio primogenito di David Bowie, questo film, zeppo di allusive citazioni non solo cinematografiche, si discosta dagli odierni cliché di genere fantascientifico, richiamando alla memoria pellicole del calibro di “2001 Odissea nello Spazio” e “Solaris”. Il Regista, infatti, distogliendo lo sguardo dal freddo ed indifferente scenario ambientale ed evitando di trattare di entità aliene, ostili o pacifiche che siano, pare così invitarci, come i suoi illustri predecessori Kubrick e Tarkovskij, attraverso l’allusiva mediazione del genere fantascientifico, a rivolgere l’attenzione ad un mistero ancora più grande ma altrettanto insondabile: noi stessi, l’uomo. Del resto, le vicende “dei” Sam Bell, magnificamente interpretati da un intenso Sam Rockwel, colpiscono per la loro tragica e realistica umanità disattesa e si potrebbe dire, con ardito accostamento, ci rimandino alla misconosciuta teoria della “ricorrenza”, qui superbamente veicolata dall’idea della clonazione. Ovvero la suggestiva e nondimeno credibile ipotesi che la vita “ricorra”, cioè si ripeta inesorabilmente più volte a nostra insaputa nella pressoché totale impossibilità di ricordarcene e lasciandoci in balia di un destino ineluttabile, offrendoci fin troppe rare occasioni di un risveglio autentico ad una possibilità superiore, nel film ricondotta alla fuga di uno dei Sam Bell dalla propria ingannevole condizione di schiavitù e di ricorrente annientamento, oltreché, come per un prodotto alimentare, dalla propria data di scadenza. Tanto per contrastare l’equivoco imperante e, peraltro, sapientemente alimentato, della nostra preziosa unicità, cui si accosta la pretesa dell’irripetibilità dei nostri gesti e si adagia l’infondata speranza di un futuro migliore, mentre, ad osservarci bene, non siamo né preziosi, né unici, né irripetibili e la nostra speranza non si trova nel futuro ma dimora nel presente soltanto. Resta che a quest’autore, cui non manca certo l’ispirazione potrebbe, oggi come oggi, però mancare un pubblico (le poche sale che lo proiettano pare restino vuote), almeno nel nostro disgraziato paese di “analfabeti” ed “ignoranti”… Dicembre 2009



Valerio, 44 anni, Milano (MI).





Sfoglia indietro   pagina 1 di 9   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per La ragazza della palude (2022), un film di Olivia Newman con Daisy Edgar-Jones, Taylor John Smith, Harris Dickinson.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: