FilmUP.com > Opinioni > Louise Michel
HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


Louise Michel

Opinioni presenti: 4
Media Voto: Media Voto: 5 (5/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



Louise Michel

(6/10) Voto 6di 10

Interessante ed originale commedia nera che, come la maggior parte dei film francesi, è connotata da ottime idee di base ma ahimè non sviluppate in modo soddisfacente. Di gag e situazioni spassose ce ne sono abbastanza, tanto che qualche risata riesce a strapparla, eppure 'Louise Michel' è un film che veleggia sempre su toni tragicomici che scontano un' altalenante perdita di mordente e, quindi, d'interesse da parte dello spettatore. Vengono lambiti temi importanti, come la disoccupazione e l'avidità dei ricchi, ma con tanta carne al fuoco i due registi virano stranamente su una stonata ambiguità sessuale dei protagonisti, che sfocia in un finale alquanto spiazzante. Insomma, l'impressione è che si potesse fare molto meglio. Di sicuro è un film preferibile a tante decantate commediole hollywoodiane, volgari e ripetitive; tuttavia la strada per un'opera pienamente soddisfacente è ancora lunga da percorrere.



Trixter, 37 anni, Roma.




brutto

(4/10) Voto 4di 10

Sicuramente uno dei film più brutti che abbia mai visto, 2/3 risate al massimo sopratutto per la sua demenzialità. senza capo ne coda. voto 4



Franco, 45 anni, Aprilia (LT).




Nei 10 più brutti di sempre

(1/10) Voto 1di 10

qualche risata ma pessimo negli attori, nella regia, nella trama...ecc.



Pippo, 48 anni, Prato.




il dramma e l'assurdo

(8/10) Voto 8di 10

Ho trovato un solo limite del film. Detto questo, non posso che snocciolare una serie di Evviva! Bravi, evviva il coraggio dell’anticonformismo del conforme; evviva chi dice tanto di serio, facendo anche ridere tutti noi depressi e un po’ in fuga dalla crisi che morde duro. Ciò che non mi è piaciuto di quest’opera è presto detto: la forma. Sciatta, piatta, quasi amatoriale in negativo, non sfigurerebbe su Youtube a fianco di qualche tentativo di ventenne un po’ sgangherato. E ora passo agli evviva. I bravi sono una coppia di registi sceneggiatori belgi (un po’ come i Dardenne e i Coen ai quali somigliano) che sono cresciuti con la tv. Certamente sull’anarchico, certamente con una piattaforma seria sotto la noir-comedy, i due si divertono a scompaginare certezze e luoghi comuni del pensiero attuale, intoccabile quasi come i dogmi. Penso a un salotto della sinistra ufficiale che li guarderebbe con molto sospetto… Poi però si scopre che il titolo altro non è che il nome e cognome di una militante anarchica francese, femminista e creatrice di scuole a sua misura per bambine proletarie. E vediamo il secondo evviva. Il racconto mescola alla perfezione due poli, uno grottesco, l’ altro serio. Si tratta dei poveracci di sempre, se non vogliamo più chiamarli proletari, i quali, se hanno un lavoro, possono vedersene espropriati dall’oggi al domani. E come reagiscono? Le nostre operaie perdenti posto non pensano a nuove piccole attività, a improbabili iniziative da avviare con la loro piccola liquidazione, ma vanno al cuore del problema. Che una volta siano i responsabili a pagare, bisogna assoldare un killer e far fuori il padrone. Ma siccome dalla prima scena si capisce che la chiave del discorso è surreale (il film si apre con un tentativo di cremazione maldestro) nessuno si sogna di pensare a violenze reali, bensì ad azioni simbolo come quelle oggi in atto dove si sequestrano magari per un sol giorno manager intoccabili. E siamo al terzo evviva. Via via che i fatti si dipanano ne vediamo delle belle e si ride di cuore pure se col fondo amaro. Animali oggetto non di amore ma di caccia (la protagonista li cattura e li mangia crudi), killer che non riescono neanche a custodire l’arma perché se la perdono per strada, malati terminali assoldati per uccidere che sbagliano bersagli, padrone da eliminare che si sposta per tutta l’Europa costringendo Louise e Michel a inseguire ogni volta nuovi obiettivi. In di più, tutto non è come appare. Per esempio, la struttura massiccia e i peli sulle braccia di Louise nonché l’inadeguatezza di Michel come killer hanno origine in una identità diversa da quella normale… L’unica cosa a rimanere uguale è l’oppressione dell’uomo sull’uomo. Ma anch’essa può essere cancellata almeno sullo schermo, sepolta sotto le risate e tante visionarie e picaresche avventure… Dei due attori che dire? Non sono certo politicamente perfetti, ma come interpreti sì!



Olga, 63 anni, Di comite (PG).





Sfoglia indietro   pagina 1 di 1   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Charlie's Angels (2019), un film di Elizabeth Banks con Elizabeth Banks, ,.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: