FilmUP.com > Opinioni > I vicerè
HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


I vicerè

Opinioni presenti: 22
Media Voto: Media Voto: 7.5 (7.5/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



storia della cultura

(10/10) Voto 10di 10

Mi piace questo film perchè ci racconta in modo ineccepibile gli usi e i costumi dell'Ottocento, abitudini delle famiglie ricche comuni in parecchie Regioni d'Italia e non solo in Sicilia. Non credo che il film sia un film da considerare " attuale "; credo piuttosto che debba essere apprezzato come " preziosa " descrizione di un'era ormai tramontata. Una trama credibile in cui gli avvenimenti e le citazioni vengono raccontate con estrema precisione. In quanto tale il film oggettivamente merita il massimo dei voti. Perfetti tutti gli attori ( il miglior film di Buzzanca !).



Carlo, 59 anni, Pesaro.




Un capolavoro della letteratura italiana diventa film e versione televisiva

(10/10) Voto 10di 10

Premetto che questa è solo la mia opinione, opinione che non mira a offendere i gusti di nessuno ma solo a esporre il mio parere sulla pellicola. I vicerè è un film straordinario; sono state realizzate 2 versioni di questo film, una cinematografica e l'altra televisiva ( quest'ultima più interessante perchè più ricca e completa rispetto ai 120 minuti della versione cinematografica ) ma la storia ovviamente è la stessa. Gli attori, a partire dal mitico Lando Buzzanca fino a Preziosi e all'incantevole Cristiana Capotondi, sono uno più valido dell'altro in un incantevole ritratto della Sicilia dell'unità d'Italia vista attraverso gli occhi della drammatica quanto bellissima vicenda della famiglia Uzeda. Lo scroorimento della pellicola è perfetto e la storia trasmette messaggi morali elevatissimi che si rivelano essere attuali persino ai giorni nostri. La gioventù illusa di poter essere felice, le loro vite manovrate dai potenti genitori che operano solo per il loro tornaconto, la lotta sfrenata per il potere, la lotta tra padre e figlio, che imparerà tuttavia come vanno le cose: dominano i potenti e coloro senza potere non valgono nulla! Il film mi è piaciuto da impazzire e il voto che gli attribuisco è senz'altro 10. Questa volta non riesco veramente a capire come la critica abbia colpito questo bellissimo film, consigliato agli amanti del libro o semplicemente dei drammi storici ma adatto, a parer mio, per lo spessore dei messaggi che trasmette, a qualunque tipo di pubblico.Come detto nel titolo, un capolavoro della letteratura italiana diventa film e poi sceneggiato televisivo, potente quanto bellissimo.



David, 19 anni, Empoli (FI).




Ovvia Censura

(10/10) Voto 10di 10

Ho visto questo film in dvd (perché il cinema lo ha appena sfiorato) e ne sono rimasta profondamente colpita. Nulla da dire sulle interpretazioni (Buzzanca in primis) e sulla perfetta ricostruzione nonché la fotografia. Ma questo pezzo di storia di Sicilia nei vari concetti che porta in sé, tramite la famiglia Uzeda diviene storia di Italia e storia di tutte le eree passate, presenti, futuri. Concetti che raggelano il sangue soprattutto perché sferzatamente veri ora come allora; concetti molto pericolosi se ci si ferma a riflettere Per me capolavoro



SIlvia, 46 anni, Brugherio (MI).




Come al solito...

(10/10) Voto 10di 10

...non mi trovo mai d'accordo con le opinioni presenti qui. Non sono un critico ma ci vuol poco a capire questo capolavoro, certo se ci fossero stati attori meno da fiction (Preziosi, Capotondi) sarebbe stato un gran film. Bravo, bravissimo Buzzanca. Eccezionale quadro storico del periodo borbonico, dialoghi e frasi da annotare continuamente. "Viva la liberta ? Libertà è una parola che non significa niente, ma che accontenta tutti "Destra, Sinistra oggi non significano più niente, di questi tempi tutto cambia così velocemente che non possiamo più stare attenti alle etichette" "La gente ? Il Paese ? Nomi senza senso... Astrazioni... Questo paese non esiste... Esistono soltanto moltitudini di cittadini in mezzo ai quali se cercherete bene non ne troverete due soli che siano interamente d'accordo su qualcosa" Capolavoro



Ottavio, 42 anni, Catanzaro (CZ).




attualissimo visto che siamo alle porte di nuove elezioni

(10/10) Voto 10di 10

se pensate con questo film di fare solo un viaggio nel passato per sapere chi eravamo, scoprirete invece chi siamo... molto più attuale questo film ambientato ai tempi di garibaldi che non molti film ambientati ai giorni nostri... in fase di elezioni soprattutto, ricordarsi sempre che è il potere l'unica cosa che conta, non condiziona certamente il voto o l'ideologia politica, ma rafforza almeno la consapevolezza che nulla cambia indipendentemente da chi vince. film italiano recitato, a sopresa, in maniera perfetta. grandissimi tutti gli attori, veramente bravi e a loro agio.



Esmeralda, 41 anni, Milano.





Sfoglia indietro   pagina 1 di 5   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Vulnerabili (2017), un film di Gilles Bourdos con Alice Isaaz, Vincent Rottiers, Grégory Gadebois.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: