FilmUP.com > Opinioni > Una scomoda verità
HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


Una scomoda verità

Opinioni presenti: 20
Media Voto: Media Voto: 7.5 (7.5/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale: interviste.

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



Una Assurda Bugia?

(1/10) Voto 1di 10

Ora è chiaro del perchè gli americani fanno guerre a tutto spiano, vogliono decimare la popolazione mondialein modo tale che i cmsumi energetici rientrino nei parametri originariiiii! :-P Infatti una delle analisi molto illuminanti ci fa notare come sia aumentata la popolazione mondiale, in meno di cento anni si è deciplicata! Ora pisogna porvi rimedio! su chi Useranno per primi la bomba nuchieare! Al Gore dice che la è la CO2 quella che provoca il Riscaldamnto Globale, non dice che non si debbano più fare guerre, anzi pare preoccuparsi più di non poter più fare niente se i gas serra si impadroniranno del clima! Dice che fra 50 anni nn ci sarà più scampo! Ecco perchè si affettano a fare tutte le guerre ora! ha ha ha.... Ridicoli e buffoni 'Sti Americani! ha ha ha... Il documentario è molto fazioso e spinge il tasto dell'Orgoglio nazionale Anericano... Insomma la solita zolfa e intanto continuano a voer fare guerre e seminare il panico! (La terra è un pianeta e come tale non morirà mai, invece l'uomo è un microbo che fortunatamente si atoestingierà, soffocato dalla propria me**a! a ha ha)



Milo, 99 anni, Marte.




cronaca di una distruzione planetaria annunciata

(6/10) Voto 6di 10

Guardando questo film, saltano agli occhi le contraddizioni della nostra civiltà, Quelle stesse che l'uomo della strada che usufruisca di un minimo di informazione mediatica ha a disposizione, ma con la differenza che vengono spiegate puntigliosamente cause ed effetti del deteriorarsi dell'atmosfera che porterà sempre più a fenomeni naturali disastrosi e incontrollabili; dopo questo documentario nessun uomo/ donna , ad eccezione delle moltitudini che vivono in condizione di sottosviluppo, potrebbe più affermare che lui/lei stesso non contribuisce a questo disastro globale che afflliggerà tutti a breve termine e avrà conseguenze inimmaginabili sul futuro della terra; ma purtroppo, è gioco forza fare alcune considerazioni: prima di tutto la sala del cinema era semivuota; forse l'argomento non interessa? troppo remoto? in secondo luogo, non mi pare che il film sia stato adeguatamente pubblicizzato; in terzo luogo, i consigli alla fine del film ci fanno tristemente rendere conto di quanto impossibìile sia ormai fare qualcosa; io posso piantare un albero, posso pregare, posso usare lampadine a basso consumo e esortare amici e parenti al riciclaggio, ma che differenza farà? Nessuna; non posso fare a meno di meditare tristemente che se cambiassimo totalmente stile di vita, gli americani in primis come giustificherebbero le loro spese militari e come giustificherebbero il loro consumismo ? Sia ben inteso, seguiti a ruota da tutto l'emisfero nord, il cosidetto mondo civile che dopo aver sfruttato ignobilmente le risorse del pianeta, crede adesso di autoassolversi con un estremo rigurgito acido di coscienza. Andiamo a vedere questo film con la consapevolezza che tutto deve essere cambiato ma che tutto resterà come prima. Formalmente il film è ineccepibile, ma non è altro che un esercizio spirituale che non cambierà la realtà. Chi è disposto a rinunciare al suo stile di vita,Al Gore compreso, scagli la prima pietra.



Anna, 56 anni, Milano (MI).




film istruttivo

(8/10) Voto 8di 10

Un film con basi scientifiche solidamente mostrate [non "dimostrate", perchè questo avrebbe implicato conoscenze tecniche oltre il livello medio della generalità degli spettatori] ma che, per la bravura divulgativa di Al Gore attirano subito l'attenzione, e la fanno permanere per tutta la durata del documentario. E' molto difficile a questo punto dire: "Io non c'ero a livello di decisioni; io non c'entro; la questione è per "i grandi" e pertanto non mi riguarda da vicino" ecc. Sono scuse che di fronte alla nostra coscenza [quello che Gore chiama "il giorno del giudizio"] non potremo far valere.



Maurizio, 47 anni, Trento.




L'opinione di Riccardo

(10/10) Voto 10di 10

Il film del regista di E.R. Davis Guggenheim è un prodotto dalle indubbie qualità. Il lavoro è tutto registico e di montaggio. In questo documentario vediamo conferenze ed incontri avuti da Al Gore (candidato alla presidenza degli USA nel 2000) in varie parti del mondo. Al Gore in modo asciutto e pacato fa capire con la crudezza di dati, a suo dire, molto chiari cosa potrebbe succedere al pianeta. Gli effetti dell'inquinamento e dell'effetto serra sono sotto gli occhi di tutti ma è anche vero che c'è chi contesta tali dati e dobbiamo dar loro pari dignità. Attualmente come era siamo nell'Olocene iniziato 11.700 anni fa, il periodo in cui siamo è climaticamente un periodo interglaciale (o postglaciale) denominato Flandrian, come ogni periodo interglaciale (all'interno di un periodo glaciale molto ampio) c'è un naturale innalzamento di temperatura. Sembrerebbe che la mano dell'uomo abbia messo il turbo alle temperature andando a creare un super periodo interglaciale. Però chi contesta questa visione dice nel nel medio evo abbiamo avuto un altro periodo di caldo record e poi all'incirca nel 1600 una piccola era glaciale. Infatti andando a vedere le temperature dal 1600 sono in aumento anche se negli ultimi 50 anni la linea è proprio verticale. Quindi capire se c'è la mano dell'uomo o meno è di difficile comprensione per chiunque comunque è altamente probabile che una terra gravata da miliardi di persone sicuramente soffre dal punto di vista del riscaldamento globale. Sicuramente il film denuncia che così non possimo andare avanti e che possiamo cambiare le cose adottando un comportamento sostenibile per il nostro pianeta. Ovviamente come abbiamo vinto per il buco nell'ozono possiamo vincere anche sul riscaldamento se tutte le nazioni saranno compatte nell'affrontare il problema. Il documentario vuole essere oltre che un avvertimento anche un segnale di speranza, agendo subito possiamo farcela ed anche io sono d'accordo nel mio piccolo. Nel dubbio meglio seguire la strada più sicura. Metto 10 sia per il tema sia per la realizzazione perchè a parte tutto il film è veramente ben fatto cinematograficamente parlando.



Riccardo, 41 anni, Montesilvano.




SI

(8/10) Voto 8di 10

film/documentario da vedere. molto interessante e semplice da capire anche nei suoi aspetti più scientifici, indipendentemente da quali possano essere gli scopi privati del soggetto - Al Gore - e sui quali non voglio nemmeno soffermarmi, nè indagare. certamente non ci sono bugie e l'allarme è davvero grave. prendere seriamente in considerazione la minaccia globale presentata in questo documentario è un dovere di tutti, ma soprattutto un dovere politico che troppo spesso considera prioritarie solo le questioni economiche dell'immediato per la salvaguardia di pochi. a volte in questo film si ha la sensazione che Al Gore sia un utopico o un sognatore, a tratti persino patetico... ma è pienamente giustificato. non è mica colpa sua visto come siamo mal messi in fatto di politica ambientale...



Esmeralda, 40 anni, Milano (MI).





Sfoglia indietro   pagina 1 di 4   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale: interviste.



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Scompartimento n. 6 - In viaggio con il destino (2021), un film di Juho Kuosmanen con Seidi Haarla, Yuriy Borisov, Yuliya Aug.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: