FilmUP.com > Opinioni > Primavera, estate, autunno, inverno... e ancora primavera
HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


Primavera, estate, autunno, inverno... e ancora primavera

Opinioni presenti: 51
Media Voto: Media Voto: 8.5 (8.5/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



Da seguire con attenzione

(6/10) Voto 6di 10

Sarà che io ho peccato in concentrazione guardando il film, e così non ho potuto cogliere la sua grandezza. O forse semplicemente non mi è piaciuto, non mi ha coinvolto. Eppure è un genere che adoro.



Graziano, 31 anni, Cassano d'Adda (MI).




Sublime

(10/10) Voto 10di 10

Il tempo del film è effettivamente lento ma si riempe di tutte le riflessioni interiori. Ho dato moltissime interpretazioni. Ho notato che ogni stagione è caratterizzata da un animale diverso: - la primavera, il cane - l'estate il gallo - autunno il gatto - l'inverno il serpente - e la nuova primavera la tartaruga. Il cane: il bambino è fedele al maestro, esplora ma ammette di aver fatto un errore e si corregge. il gallo, il ragazzo va alla conquista il gatto, l'uomo torna quando ha bisogno. E' nei guai e torna dal maestro Il serpente, è la lotta. la tartaruga, uhm... è un animale lento, saggio, credo che possa racchiudere la figura del maestro. La primavera è la crudeltà innociente del bambino, è la sperimentazione. Inoltre lì scopre la compassione. C'è anche la morte. Quindi è nascita e morte. L'estate è l'esplosione della natura e dell'uomo, non occorrono commenti. L'autunno è complesso, è il deserto dell'anima, certo lui nel film ha ucciso, ma potrebbe essere la metafora di un delitto molto più banale, di quelli che si commettono ogni giorno e che ti lasciano il vuoto. La voglia di fuggire dell'uomo, attraverso il suicidio, è bloccata dal maestro che lo esorta ad affrontare il suo destino. E lo affronta purificato. Il maestro non è crudele in questa fase, è disperato. Il figliol prodigo è tornato, è tornato sporco e vuole morire sporco. Quindi quello del maestro è un tentativo di salvare perlomeno la sua anima. L'inverno è la rinascita. Fuori c'è il gelo, ma l'uomo ha cominciato già il suo disgelo interiore e soprattutto la Sua lotta. Non è più il suo maestro a lottare per lui. E ancora primavera... il ciclo ricomincia. Oppure COMINCIA, perchè potrebbe essere un flash back di tutta la storia del maestro e del primo bambino. Il ciclo dell'uomo sarà sempre il medesimo, e seppure ci siano degli uomini che sono maestri e che sanno già la verità, l'uomo deve esplorare e provare e passare dalla gioia, al dolore, al deserto, alla purificazione, alla salvezza, alla rinascita. Le porte sono un altro elemento meraviglioso. Sono il rispetto. Non ci sono muri, inizialmente mi ha fatto sorridere, poi ho compreso quanto invece fosse un segno di grande rispetto entrare dalla porta, nonostante si potessi passare dal "non muro". Si deve passare sempre dalla porta d'ingresso, e non dai laterali... La fotografia è eccezionale. Il posto incantevole. Credo anche però che dalla "città" e le sue trappole l'uomo debba passare per forza o non ha modo di lottare.



Elettra, 28 anni, Rimini (RN).




capolavoro

(10/10) Voto 10di 10

Eleganza formale e straordinaria ricchezza di contenuti fanno di questo film un indiscutibile capolavoro.



amodio, 48 anni, pomigliano d'arco (NA).




in poco

(8/10) Voto 8di 10

incredibile come in un ora e mezza, si tocchino così tanti aspetti della vita umana... la rabbia, l'amore, il piacere, il rancore, la sofferenza... anche se siamo nati a centinaia di chilometri dalla Corea, è quasi impossibile non rispecchiarsi in almeno una delle vicende narrate



Alessio, 25 anni, Verona (VR).




Un'opera darte che pochi sanno apprezzare

(10/10) Voto 10di 10

Definirlo semplicemente un film è riduttivo. E' un'esperienza che, se guardata con gli occhi giusti, può cambiare la vita. Assolutamente meraviglioso, un'opera darte che lascia senza parole e senza fiato. Per i commenti negativi e per tutti quelli che lo defniscono noioso o senza senso ho una sola risposta: perle ai porci, tornate a vedere vanzina e qualche americanata con esplosioni dialoghi a profusione e trama avvincente e lasciate l'arte a chi sa apprezzarla.



Augusto, 23 anni, Roma.





Sfoglia indietro   pagina 1 di 11   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Black Christmas (2019), un film di Sophia Takal con Imogen Poots, Cary Elwes, Brittany O'Grady.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: