FilmUP.com > Opinioni > Vipera
HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


Vipera

Opinioni presenti: 4
Media Voto: Media Voto: 10 (10/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



Reale

(10/10) Voto 10di 10

Parte del film e' stato girato nel mio paese natio (Castiglione di sicilia. Uomini come la parte che ha recitato Giancarlo Giannini ne ricordo qualcuno, percio c'e' tanta realta'. Rosetta e' stata magnifica come tutto il resto del film. Grazie a Sergio Citti.



F. tripodi, 67 anni, Sydney -australia.




Opinione

(10/10) Voto 10di 10

Un film straordinario, interpretato magistralmente da tutti quanti gli attori, a partire dai più noti Keitel e Giannini a quanti si sono visti per la prima volta sul grande schermo. Si tratta di una struggente storia ambientata nell'Italia post fascista (precisamente in Sicilia), che vede protagonisti il maniscalco Leone, abbandonato dalla moglie "vipera", e la sua piccola figlia Rosetta.Il rapporto fra padre e figlia è stupendo e nonostante le difficoltà siano tante il buon Leone tenta di offrire alla sua bambina il meglio che può, fino a quando non giunge la morte di lui a separarli. Il fulcro della storia è senz'altro il sentimento della maternità, tangibile soprattutto in alcune sequenze, ad esempio nella scena in cui Rosetta, cresciuta, assiste alla processione della Madonna e l'immagine si fissa sul sul seno scoperto della statua della Vergine al quale è attaccato il bambin Gesù. Ripetutamente, poi, si vive il dramma della sottrazione dei figli ai genitori, le cui traumatiche conseguenze sono pure evidenti. Lo stile della direzione è quello proprio del grande Citti, anche se in alcuni momenti del film, a mio modo di vedere, si notano delle sfumature tornatoriane, ma questo non fa altro che arricchire l'opera. Belle anche le musiche di Nicola Piovani. Una pellicola che sicuramente vale la pena di aggiungere alla collezione se si è tanto fortunati da trovarne una copia.



Antonio, 23 anni, Sirignano (AV).




Attori bravi...ma pochi

(10/10) Voto 10di 10

Quello che mi ha colpito di più in tutto il film o meglio nella prima parte è stata la bravura della piccola rosetta ossia larissa volpentesta il resto a parte i grandi maestri che ben conosciamo è pressochè monotono e privo di figure di spicco.



Giulio, 32 anni, Roma (RM).




Una figlia e un padre... e i "sadici"

(10/10) Voto 10di 10

Ho avuto l'opportunità di vedere - e rivedere - il film "Vipera" mandato in onda ad ora tarda su RaiTre. Di Sergio Citti, il regista e cosceneggiatore insieme a Vincenzo Cerami, ho visto altri film tra cui lo straordinario "Il minestrone" (viaggio che mi ha ricordato anche un altro film eccelso quale "Le avventure di Pinocchio"). Vipera è la storia di una figlia (11enne) e il padre (eccezionalmente interpretato da un "carico" Harvey Keitel: una grande e "vera" faccia, delle grandi e "generose" mani e un attore perfetto per un regista sincero quale Sergio Citti). La storia della costanza, della sincerità e della forza che ha il sentimento che corre tra padre e figlia. Non dimenticherò mai le scene in cui il padre Leone mangia il "minestrone" preparato dalla figlia. Il padre la aiuta a sorridere nonostante gli abusi di una cultura "classista" e lei sorregge il padre. Non scorderò mai più la scena in cui la figlia si accorge della morte del padre e piange mentre dei bambini la irridono per questo. Non scorderò mai la scena quando il figlio appena nato viene portato via da alcune balie di un "istituto" con il consenso della "vipera". Non scorderò mai la scena in cui torna in istituto e da dietro un vetro tanti bambini "orfanizzati" si aggrappano a quel vetro. Credo che sia un film che debba essere proiettato nei Tribunali dei Minori e negli studi legali di "certe" avvocatesse familiariste ... ogni giorno. Anche se difficilmente comprenderanno il film come non riescono a capire i danni che provocano allontanando i figli a genitori e "sadicamente" sottovalutando la grande importanza che ha la figura di un padre (come una madre) per una/un figlia/o immotivatamente allontanati per prassi, nelle cause di affido e separazione, da un genitore. Forse è questo il motivo per cui un capolavoro del genere (diretto da un certo Sergio Citti) è stato nascosto?



Randall Patrick, 36 anni, Roma (RM).





Sfoglia indietro   pagina 1 di 1   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Vulnerabili (2017), un film di Gilles Bourdos con Alice Isaaz, Vincent Rottiers, Grégory Gadebois.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: