FilmUP.com > Opinioni > 1997: fuga da New York
HomePage | Elenco alfabetico | Top 100 - La Classifica | Scrivi la tua Opinione


1997: fuga da New York

Opinioni presenti: 54
Media Voto: Media Voto: 9 (9/10)

Scrivi la tua opinione su questo film


Altre risorse sul film:
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.

Ordina le opinioni per: Data | Voto | Età | Città

Attenzione: nei testi delle opinioni, potresti trovare parti rivelatorie del film.



Bello davvero

(8/10) Voto 8di 10

Ho letto commenti di chi dice che probabilmente questo film fatto ai giorni nostri sarebbe stato ancora più bello. Mah, secondo me gli anni '80, i costumi, i visi, le scene adattano bene questo film ad appunto la trama, percui è bello proprio perché così. Giudizio: Molto molto bello. Voto: 8



Clais, 15 anni, Roma.




Jena Plinsky: l'antieroe per eccellenza

(8/10) Voto 8di 10

In un 1997 futuristico l'isola di Manhattan è stata trasformata dal governo statunitense in un'immensa prigione, ove i galeotti vivono in stato di anarchia e regna la legge del più forte: quella del famigerato Duca di New York e dei suoi tirapiedi Romeo e Mente. In questo gigantesco istituto penitenziario precipita il jet del presidente degli Stati Uniti che, fatto prigioniero dal Duca, deve essere liberato entro 24 ore affinchè, per un non meglio precisato bene del mondo, possa partecipare ad una conferenza dei "grandi" del pianeta e fare ascoltare a costoro un importantissimo nastro magnetico che porta con sè. La liberazione del presidente viene affidata a Jena Plinsky, un ex eroe di guerra dedito alle rapine a mano armata che, prima del disastro dell'Airforce One, era destinato all'ergastolo presso la prigione di Manhattan. Se Jena riuscirà nell'impresa, la sua fedina penale verrà ripulita. Se fallirà, le microbombe fatte inserire nel suo corpo dal capo della Polizia esploderanno cagionandone la morte. Questa è la trama di "1997 - Fuga da New York", un film cui l'aggettivo cult (di recente troppo abusato) va stretto. Jena Plinsky, insieme ai personaggi interpretati da Clint Eastwood negli spaghetti western di Leone, è l'antieroe cinemotografico per eccellenza. Ad esso si sono ispirati numerosi personaggi cinematografici, tra i quali i sicuramente meno riusciti Mad Max e Riddick. L'idea del film è stupenda, ma la pellicola, purtroppo, perde nel finale gran parte di quella verve che la contraddistingue all'inizio. Questo, a ben vedere, è un difetto di numerosi films di Carpenter (vedi, a titolo esemplificativo, "Vampires" ed "Essi Vivono") che, comunque, con "1997 - Fuga da New York" mostra tutto il suo talento di sceneggiatore e di compositore di colonne sonore. Consiglio la visione del film a tutti coloro (penso pochi) che ancora non lo hanno visto. Se non altro per ammirare il personaggio regalatoci da Kurt Russell ed assistere ad una delle ultime interpretazioni del grandissimo Lee Van Cleef (qui nei panni del capo della Polizia).



Alessandro, 30 anni, Rocchia (MI).




cultissimo!!!

(10/10) Voto 10di 10

un film davvero geniale....che se fosse stato realizzato ai giorni nostri risulterebbe ancor piu'bello... ma non dobbiamo disperare piu' di tanto anche xche credo che coi mezzi d'allora sia stato fatto davvero il massimo..se non di piu'; e cmq sia... Escape from new york... supera brillantemente la prove x diventare un mito!!nel senso che .. prima di tutto.. non invecchia ;e' sempre bello vederlo..coinvolgente;elettrizzante e tanto altro!!!poi.. l'originalita'.. ma dove s'e' vista un idea simile???le musiche firmate C. ed i personaggi...su tutti il duca e Iena... che ..a loro volta..rappresentano l'antitesi del potere..delle istituzioni..il registali ha plasmati a sua immagine e somiglianza direi... grazie



Gianluca, 29 anni, Milano (MI).




Un vero peccato.

(6/10) Voto 6di 10

E' un vero peccato. Un film del genere con un personaggio come Jena avrebbe potuto e dovuto essere sfruttato in maniera decisamente migliore. Devo fare i complimenti a J. Carpenter per la perfetta ricostruzione di una New York devastata dall'anarchia e dalla violenza, in cui aleggia un'atmosfera di morte e distruzione perfettamente ricostruita. Peccato che il resto non sia a questo livello. Il cast è decisamente sottotono: in particolare K. Russell, che con "La Cosa" ci aveva abituato a ben altre performance, non sembra rientrare a pieno nell'ottica del protagonista. Trama un po' scontata ma più che sufficiente. Il ritmo è troppo lento. Do un 6.5 ma mi aspettavo decisamente qualcosa di più.



Lorenzo, 20 anni, Arconate (MI).




bellisimo film

(8/10) Voto 8di 10

Bellissimo film..jena è uno dei personaggi, se non il personaggio simbolo dei fantafuturistici film tagati anni'80. carpenter qui è un genio anche epr la bellissima colonna sonora, jena un antieroe che per chi ha guardato la pelliccola, diventa il vero unico eroe possibile non solo negli'80 ma anche nel nuovo secolo.



Roberto, 27 anni, Cagliari.





Sfoglia indietro   pagina 2 di 11   Sfoglia avanti

Scrivi la tua opinione su questo film


FilmUP
Trailer, Scheda, Recensione, Opinioni, Soundtrack, Speciale.



Ricerca Opinioni
Elenco alfabetico:    0-9|A|B|C|D|E|F|G|H|I|J|K|L|M|N|O|P|Q|R|S|T|U|V|W|X|Y|Z

Cerca:     Titolo film     

I FILM OGGI IN PROGRAMMAZIONE:
In evidenza - Dal mondo del Cinema e della Televisione.

Il video del momento
Attenzione!
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link:

Installa Flash
Trailer italiano (it) per Vulnerabili (2017), un film di Gilles Bourdos con Alice Isaaz, Vincent Rottiers, Grégory Gadebois.

Tra i nuovi video:
Cerca CINEMA
Film:
Città:
 
Provincia:

I film al cinema nelle sale di: Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bari, Genova, Firenze Bologna, Cagliari, tutte le altre città...
Oggi in TV
Canale:
Orario:
 
Genere:
Box Office



© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: