FilmUP.com > Forum > Critica il critico - Articolo di Ejzenstejn su Chaplin
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Cinema > Critica il critico > Articolo di Ejzenstejn su Chaplin   
Autore Articolo di Ejzenstejn su Chaplin
LickenRush

Reg.: 16 Gen 2006
Messaggi: 157
Da: Quarto (RM)
Inviato: 20-01-2006 18:23  
Charlie The Kid. A me pare che questo titolo, che è quello che dell'opera più popolare di Chaplin, meriti di stare a fianco del suo nome. Esso mette in luce il vero volto di lui, allo stesso modo che epiteti come Il conquistatore, Cuor di Leone o Il Terribile servono a caratterizzare la personalità interiore del Guglielmo che conquistò le isole della futura Gran Bretagna, del leggendario e valoroso Riccardo delle Crociate, o del saggio zar moscovita Ivan IV. A me non interessano né la sua regia, né i suoi metodi, né i suoi trucchi, né la sua tecnica del comico, e non voglio occuparmene. Quando si pensa a Chaplin, si vorrebbe anzitutto penetrare in quella strana conformazione di pensiero che vede i fatti sotto una forma così strana e reagisce a essi con immagini di tanta stranezza. E, in questo ordine di pensiero, si vorrebbe giungere a quell'elemento che, prima di divenire una concezione della vita, esiste allo stato di intuizione del mondo che lo circonda. in poche parole, noi non ci occuperemo della filosofia di Chaplin ma del suo modo di percepire la vita, da cui nascono le invenzioni uniche e inimitabili del cosiddetto humour chapliniano. Il campo visivo dei due occhi della lepre s'interseca sulla nuca, e cioè essa può vedere alle proprie spalle. Destinata più a essere inseguita che a a inseguire, essa non protesta per questo. Ma i duce campi visivi non s'intersecano anteriormente e così, davanti alla lepre, resta un settore dello spazio ch'essa non può vedere. Perciò, fuggendo, lepre può andare a cozzare contro il primo ostacolo che si trovi sulla sua strada. La lepre vede il mondo diversamente da noi. Nella pecora gli occhi sono collocati in modo che il campo visivo di un occhio non si sovrappone a quello dell'altro. La pecora vede due mondi: uno di destra e l'altro di sinistra, che otticamente non coincidono in un 'unica immagine. Una visione diversa porta con sé anche effetti diversi, dal punto di vista delle immagini e della inquadratura, senza voler parlare della superiore elaborazione di questa sensazione in "percezione" e, poi, in "concezione", una volta che dalle pecore e dalle lepri passiamo all'uomo considerato al centro di tutti i fattori sociali che lo circondano e che portano inevitabilmente a formulare una "concezione del mondo", una "filosofia". Come è situato l'occhio? (Si tratta in questo caso dell'occhio del pensiero) Come vede? Come vede quest'occhio, quest'occhio eccezionale, l'occhio di Chaplin?, capace di vedere l'Inferno di Dante e il capriccio goyesco dei Tempi moderni sotto l'aspetto della spensierata allegria? Ecco quel che commuove e interessa, ecco l'enigma che vorremmo risolvere: con quali occhi Charlie Chaplin guarda la vita? Il segreto dei suoi occhi è indubbiamente rivelato da Tempi moderni. Sino a quando si trattava delle sue celebrate commedie, degli scontri fra buoni e cattivi, piccoli e grandi, che subito e quasi a caso venivano a distinguersi in poveri e ricchi, il suo occhio rideva e piangeva all'unisono con i suoi soggetti. Quando, però, i buoni e i cattivi "ragazzi" apparvero improvvisamente i veri rappresentanti di gruppi sociali inconciliabili, l'occhio di Chaplin dapprima ammiccò, poi si mise ad accennare. Ma, poiché continuava ostinatamente a guardare i tempi e gli avvenimenti "moderni" così come prima, finì per andare evidentemente contro il suo stesso tema. Il che, stilisticamente parlando, ha portato a una frattura; per i temi trattati, al mostruoso e al deforme; per la figura interiore dello stesso Chaplin, alla rivelazione piena e completa del mistero dei suoi occhi. [...] Io non voglio affatto affermare che Chaplin sia indifferente a quanto accade intorno a lui o che egli non si renda conto (sia pure in piccola parte) degli avvenimenti. A me non interessa quello che egli comprende, ma il modo come egli sente, come guarda, e come vede quando s'abbandona all'ispirazione, quando incontra una serie d'immagini di cui ride; e quando, attraverso il riso, ciò che egli ha concepito si risolve in situazioni e trovate comiche; e con quali occhi bisogna guardare il mondo per vederlo come appare a Chaplin. [...]In questo sta il mistero di Chaplin, nel segreto dei suoi occhi. In questo egli è inarrivabile: è qui la sua grandezza. Vedere gli avvenimenti più inconsueti, più pietosi e più tragici con gli occhi di un bambino ridente. Essere in grado di realizzarne l'immagine immediatamente, d'un colpo, indipendentemente dalla loro significazione etica o morale, al di fuori di ogni valutazione, [...] così come l'afferra un bambino in preda a un eccesso di risa. Ecco in che cosa Chaplin eccelle, in che egli è inimitabile e unico.
Sergej Mikhailovičh Ejzenštejn

Ora mi chiedo:
Che ne pensate se avete avuto il fegato di leggerlo tutto?!
_________________
"Ogni volta che tutti sono d'accordo con me, provo la sensazione di avere torto" O.Wilde

  Visualizza il profilo di LickenRush  Invia un messaggio privato a LickenRush    Rispondi riportando il messaggio originario
LickenRush

Reg.: 16 Gen 2006
Messaggi: 157
Da: Quarto (RM)
Inviato: 20-01-2006 18:41  
Una critica Eccezzionale!
_________________
"Ogni volta che tutti sono d'accordo con me, provo la sensazione di avere torto" O.Wilde

  Visualizza il profilo di LickenRush  Invia un messaggio privato a LickenRush    Rispondi riportando il messaggio originario
sandrix81

Reg.: 20 Feb 2004
Messaggi: 29115
Da: San Giovanni Teatino (CH)
Inviato: 20-01-2006 22:20  
quote:
In data 2006-01-20 18:23, LickenRush scrive:
Sergej Mikhailovic Ejzenštejn

Ora mi chiedo:
Che ne pensate se avete avuto il fegato di leggerlo tutto?!



penso che sia geniale. e appena avrò tempo lo leggerò.
_________________
Quando mia madre, prima di andare a letto, mi porta un bicchiere di latte caldo, ho sempre paura che ci sia dentro una lampadina.

  Visualizza il profilo di sandrix81  Invia un messaggio privato a sandrix81  Vai al sito web di sandrix81    Rispondi riportando il messaggio originario
Sandrino

Reg.: 17 Mag 2004
Messaggi: 612
Da: Gavi (AL)
Inviato: 21-01-2006 09:27  
questa lunga critica dove l'hai scopiazzata?

  Visualizza il profilo di Sandrino  Invia un messaggio privato a Sandrino    Rispondi riportando il messaggio originario
LickenRush

Reg.: 16 Gen 2006
Messaggi: 157
Da: Quarto (RM)
Inviato: 21-01-2006 14:47  
Veramente lo scaricata da Internet;infatti se guardi sotto potrai vedere la firma di quello che l'ha scritta!Sperando tu sappia chi sia Ejzenštejn!
_________________
"Ogni volta che tutti sono d'accordo con me, provo la sensazione di avere torto" O.Wilde

  Visualizza il profilo di LickenRush  Invia un messaggio privato a LickenRush    Rispondi riportando il messaggio originario
Fringe

Reg.: 14 Mag 2003
Messaggi: 12
Da: Napoli (NA)
Inviato: 30-01-2006 10:05  
http://www.internetbookshop.it/ser/serdsp.asp?shop=1&c=YGJRNKJQDJQRV

_________________
Sono solo un cinefilo incolto ed insonne
http://www.ilcinemasecondome.net

  Visualizza il profilo di Fringe  Invia un messaggio privato a Fringe  Email Fringe  Vai al sito web di Fringe    Rispondi riportando il messaggio originario
iRisH2005


Reg.: 19 Dic 2005
Messaggi: 147
Da: alghero (SS)
Inviato: 30-01-2006 16:42  
io ce l ho quel libro....e dice delle cose incredibili...si collega da un argomento all altro prendendo spunti da filosofi o da immagini che gli sono venute in mente attraverso la lettura di un libro...è grandioso...consiglio a tutti quanti di leggerlo...dimostra proprio il suo genio....suo e di chaplin!
_________________
"SHOOT NIKY GO AHEAD, GO AHEAD!!! DO IT!!DO IT!! JUST DO IT!!
The Deer Hunter

  Visualizza il profilo di iRisH2005  Invia un messaggio privato a iRisH2005  Email iRisH2005    Rispondi riportando il messaggio originario
  
0.116941 seconds.






© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: