FilmUP.com > Forum > Tutto Cinema - Babel - Inarritu parte terza
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Cinema > Tutto Cinema > Babel - Inarritu parte terza   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 Pagina successiva )
Autore Babel - Inarritu parte terza
willis

Reg.: 13 Dic 2006
Messaggi: 119
Da: catania (CT)
Inviato: 06-02-2007 17:24  
Un film fantastico fatto benissimo e di ottima fattura. Inarritu conclude con questo film la sua trilogia del dolore dopo amores perros e 21 grammi bei film anche quelli.Ma indovinate un pò chi mi ha colpito di più nel film con la sua magistrale interpretazione da urlo?
...Esatto BRAD PITT.

  Visualizza il profilo di willis  Invia un messaggio privato a willis    Rispondi riportando il messaggio originario
oronzocana

Reg.: 30 Mag 2004
Messaggi: 6056
Da: camerino (MC)
Inviato: 19-02-2007 23:35  
solito film da facile sentimentalismo. Bello e pronto per gli oscar, anche se la confezione riesce. Più che brutto diventa furbetto: sullo stile di Crash e di North Country.
_________________
Partecipare ad un'asta, se si ha il Parkinson, può essere una questione molto costosa.
Michael J. Fox
---------
Blog

  Visualizza il profilo di oronzocana  Invia un messaggio privato a oronzocana     Rispondi riportando il messaggio originario
Tristam
ex "mattia"

Reg.: 15 Apr 2002
Messaggi: 10671
Da: genova (GE)
Inviato: 19-02-2007 23:45  
questo film è una leccata di ascella venduta per un french kiss.
e scusate il paragone, ma il film sa di acido, andato a male.

_________________
Go ahead, make my day

[ Questo messaggio è stato modificato da: Tristam il 20-02-2007 alle 00:03 ]

  Visualizza il profilo di Tristam  Invia un messaggio privato a Tristam  Vai al sito web di Tristam    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 22-05-2007 14:15  
L'ho visto ieri sera in dvd. Mi è piaciuto molto anche se estremamente angosciante ed a tratti non poco retorico.Storie diverse agli angoli di diverse parti del mondo che si incrociano e rincorrono,denominatore comune un "regalo" cioè una carabina Winchestern che un facoltoso cacciatore giapponese regala ad una guida marrochina.Il fucile finisce in mano a due ragazzini marrochini i quali per gioco sparano ad un pulman zeppo di turisti americani ferendone seriamente una (una magnifica Kate Blanchet),seguiranno ore di angoscia in uno sperduto villaggio nel deserto in attesa di soccorsi che sembrano non arrivare mai.Dall'altra parte del mondo,esattamente in California,i figli della donna ferita sono sotto la custodia di una tata messicana,alla quale è stato ordinato di non muoversi da casa nonostante l'imminente matrimonio del figlio in Messico,la donna decide ugualmente di varcare il confine insieme ad un nipote balordo,portandosi dietro i due bambini gringos.Dall'altra parte del pacifico,a Tokyo ,una giovane sordomuta figlia del ricco giapponese donatore della carabina alla guida berbera,vive nell'angosciante consapevolezza della sua menomazione,si sente rifiutata dal mondo intero e soprattutto dagli uomini,che tenta in continuazione di sedurre a volte in modo esplicito e patetico,dietro a tutto ciò il dramma del recente suicidio della madre e la presenza di un padre distratto e spesso latitante.Andare avanti col racconto,estremamente intricato e variegato soprattutto per quel che riguarda le locazioni geografiche,( si passa con disinvoltura dalle pietraie del Marocco al desero messicano e subito dopo nel caos iperurbano di Tokyo) non ha molto senso.Alla fine ciò che è evidente e che per i ricchi e fortunati americani e giapponesi le cose si sistemano,in un modo o nell'altro (l'americana verà alla fine soccorsa e curata,riacquisterà salute e serenità coniugale,riabbraccerà i figli.La ragazza giapponese ritroverà il padre,lasciando presagire un futuro migliore),ma per i poveri marrochini e messicani è ben altra musica (il padre dei due ragazzi marrochini verrà brutalmente arrestato dalla polizia ed uno dei due ragazzi resterà ucciso.La tata messicana verrà espulsa dagli Stati uniti e separata per sempre da una terra nella quale bene o male aveva trovato integrazione e dai due bimbi che ha visto nascere e che ha cresciuto).Splendida la regia di Gonzales,notevole l'interpretazione (come sempre) della Blanchet,piatto (come sempre) Brad Pitt,gli altri attori tutti emeriti sconosciuti.Il film ricorda inevitabilmente opere analoghe per la coralità e l'intreccio di trame,vedi Crash ed America oggi,ma non c'è la speranza e la fiducia nel poi del primo e ne tanto meno l'ironia perfida del secondo.
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
gatsby

Reg.: 21 Nov 2002
Messaggi: 15032
Da: Roma (RM)
Inviato: 22-05-2007 14:47  
Io ieri ho visto Salò o le centoventi giornate di Sodoma di Pier Paolo.
Un bel film a metà tra la Torre di Babele e Il parmigiano Johnny, ma non c'è la perfetta comunicazione del primo e ne tanto meno il gusto per il buono del secondo.

_________________
Qualunque destino, per lungo e complicato che sia, consta in realtà di un solo momento : quello in cui l'uomo sa per sempre chi è

  Visualizza il profilo di gatsby  Invia un messaggio privato a gatsby  Vai al sito web di gatsby    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 22-05-2007 14:50  
Ho letto bene..il parmigiano Johnny?!
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
Tenenbaum

Reg.: 29 Dic 2003
Messaggi: 10848
Da: cagliari (CA)
Inviato: 22-05-2007 15:01  
in effetti ci sono anche similitudini con Big Night e la ricetta segreta del timballo

o la metafora della sfoglia di pasta che avvolge un'imbottitura quanto mai varia e stravagante
_________________
For relaxing times make it Suntory time

  Visualizza il profilo di Tenenbaum  Invia un messaggio privato a Tenenbaum  Email Tenenbaum    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 22-05-2007 15:24  
quote:
In data 2007-05-22 15:01, Tenenbaum scrive:
in effetti ci sono anche similitudini con Big Night e la ricetta segreta del timballo

o la metafora della sfoglia di pasta che avvolge un'imbottitura quanto mai varia e stravagante



Invece di fare del sarcasmo da cazzone cerca di dire qualcosa di sensato sul film ,oppure in alternativa vai a guastare i coglioni a Marquez in un altro topic
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
Maresca

Reg.: 12 Mar 2007
Messaggi: 2111
Da: Siviglia (es)
Inviato: 22-05-2007 15:38  
Ovviamente un topic sul film esiste già.

  Visualizza il profilo di Maresca  Invia un messaggio privato a Maresca    Rispondi riportando il messaggio originario
LothLaurel

Reg.: 25 Feb 2004
Messaggi: 1261
Da: Scafati (SA)
Inviato: 22-05-2007 19:19  
Attenzione potrebbe contenere Spoiler

Mi è piaciuto molto. La conclusione cui Inarritu giunge è sacrosanta e tremendamente cruda:
alla fine, i ricchi, Americani o Giapponesi, se la cavano, mentre i poveri, che siano Marocchini o Messicani, lo prendono sempre lì.
_________________
Clive Owen mi fa sbroccare!!!!!!!!!!!!
E smettetela di dire che sono un uomo!

  Visualizza il profilo di LothLaurel  Invia un messaggio privato a LothLaurel    Rispondi riportando il messaggio originario
eltonjohn

Reg.: 15 Dic 2006
Messaggi: 9472
Da: novafeltria (PS)
Inviato: 22-05-2007 19:28  
quote:
In data 2007-05-22 19:19, LothLaurel scrive:
Attenzione potrebbe contenere Spoiler

Mi è piaciuto molto. La conclusione cui Inarritu giunge è sacrosanta e tremendamente cruda:
alla fine, i ricchi, Americani o Giapponesi, se la cavano, mentre i poveri, che siano Marocchini o Messicani, lo prendono sempre lì.



E già!
_________________
Riminesi a tutti gli effetti...a'l'imi fata!

  Visualizza il profilo di eltonjohn  Invia un messaggio privato a eltonjohn    Rispondi riportando il messaggio originario
LothLaurel

Reg.: 25 Feb 2004
Messaggi: 1261
Da: Scafati (SA)
Inviato: 22-05-2007 19:32  
quote:
In data 2007-05-22 19:28, eltonjohn scrive:
quote:
In data 2007-05-22 19:19, LothLaurel scrive:
Attenzione potrebbe contenere Spoiler

Mi è piaciuto molto. La conclusione cui Inarritu giunge è sacrosanta e tremendamente cruda:
alla fine, i ricchi, Americani o Giapponesi, se la cavano, mentre i poveri, che siano Marocchini o Messicani, lo prendono sempre lì.



E già!


che fai? mi tacci di ovvietà?

_________________
Clive Owen mi fa sbroccare!!!!!!!!!!!!
E smettetela di dire che sono un uomo!

  Visualizza il profilo di LothLaurel  Invia un messaggio privato a LothLaurel    Rispondi riportando il messaggio originario
Tenenbaum

Reg.: 29 Dic 2003
Messaggi: 10848
Da: cagliari (CA)
Inviato: 22-05-2007 20:45  
quote:
In data 2007-05-22 19:19, LothLaurel scrive:
Attenzione potrebbe contenere Spoiler

Mi è piaciuto molto. La conclusione cui Inarritu giunge è sacrosanta e tremendamente cruda:
alla fine, i ricchi, Americani o Giapponesi, se la cavano, mentre i poveri, che siano Marocchini o Messicani, lo prendono sempre lì.



ma gli ultimi saranno i primi in paradiso

è questo il vero messaggio del film
_________________
For relaxing times make it Suntory time

  Visualizza il profilo di Tenenbaum  Invia un messaggio privato a Tenenbaum  Email Tenenbaum    Rispondi riportando il messaggio originario
Fakuser

Reg.: 04 Feb 2005
Messaggi: 2656
Da: Milano (MI)
Inviato: 01-07-2007 15:49  
Un film troppo insicuro e variegato per convincere. Se nelle due prove precedenti il genio di Inarritu riusciva a tenere insieme linee narrative diverse o frante, qui salta tutto. Non c'è omogeneità nè organicità e l'esempio soderberghiano di Traffic per una distinzione anche visiva dei plot è malamente imitato perchè manca di autopersuasione.
Notiamo quanto due bravi attori come Pitt e la Blanchett siano vergognosamente deutilizzati fino al punto che ci si scorda chi si sta guardando.
Le logiche commerciali hanno fatto partorire a Inarritu un film non suo,in gran parte falso e posticcio. Ma il genio c'è,e (per fortuna ) qualche voilta lo vediamo anche in Babel.
Mi riferisco all'episodio della ragazza sordomuta, permeato da un lirismo sublime e cosa più importante da una moralità invidiabile e lodevole,allorchè si parli di diversità.
Allontanandomi uun pochetto dal discorso sul film,vorrei proporre un parallelo con il recente e apparentemente diversissimo MARE DENTRO.
Laddove la tragedia della diversità viene assunta a tema portante e fagocitante,si ha una prospettiva esterna , quasi documentaristica, nient'affatto adeguata per un cinema che voglia essere autenticamente etico (metteteci "sociale " se preferite questo termine ),alla ricerca peraltro del doppio scalino della lacrima facile e dell'indignazione automatica (indi inerte,perchè insincera ), in una prospettiva cioè totalmente piegata verso l'esterno,verso un condizionamento premeditato delle emozioni dello spettatore.

All'interno del suo malriuscito discorso sull'incomunicabilità postmoderna, Inarritu riesce a mettere molto sè stesso e molta della sua umanità nella storia di questa ragazza senza (possibilità d')amore,con un pedinamento quasi ossessivo nella prospettiva della protagonista.Lo sguardo di Inarritu è sincero (e quindi veramente etico )perchè parte e si sviluppa dentro e attorno al soggetto chiamato in causa.
Ciò implica dei rischi (sacrificare la chiarezza di una narrazione lineare ) ma soprattutto dei vantaggi poichè cinematograficamente la macchina parla con sè stessa ignorando la pericolosa variabile dello spettatore a cui render conto;poichè eticamente questa autoreferenzialità narrativa non ha un fine se non quello di mostrarsi e (di)mostrare,lasciando campo libero alla morale dello spettatore inesistente che v(è/ò)rrà.

  Visualizza il profilo di Fakuser  Invia un messaggio privato a Fakuser    Rispondi riportando il messaggio originario
kagemusha

Reg.: 17 Nov 2005
Messaggi: 1135
Da: roma (RM)
Inviato: 01-07-2007 19:26  
ennesima conferma di un talento sprecato
tanto fumo e poco arrosto ecc ecc

ad Inarritu converrebbe iniziare a parlare di casa sua o di ciò che conosce da vicino invece che della vita della morte e dell'incomunicabilità globale

cambiare sceneggiatore

  Visualizza il profilo di kagemusha  Invia un messaggio privato a kagemusha    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 Pagina successiva )
  
0.122409 seconds.






© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: