FilmUP.com > Forum > Critica il critico - Bibliografia essenziale
  Indice Forum | Registrazione | Modifica profilo e preferenze | Messaggi privati | FAQ | Regolamento | Cerca     |  Entra 

FilmUP Forum Index > Cinema > Critica il critico > Bibliografia essenziale   
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 )
Autore Bibliografia essenziale
Hawke84

Reg.: 08 Giu 2004
Messaggi: 5586
Da: Cavarzere (VE)
Inviato: 07-05-2005 12:13  
quote:
In data 2004-06-15 19:10, ZoraDomina scrive:
Personalmente consiglierei due libri fondamentali per appesantire il vostro bagaglio culturale, due testi che comunque premetto andrebbero letti con molta calma, molta attenzione e soprattutto, in un momento del percorso di studio del cinema già inoltrato.
Tali testi infatti, possono diventare un ottimo supporto alla memoria tecnica, poichè, seguendo una traccia schematica di quello che è il linguaggio cinematografico, raccordano la fisicità delle nozioni filmiche, con una discussione teorica che si fonde con l'ispezione filosofica.
I testi in questione sono dunque utili ad ampliare lo spettro di percezione del linguaggio filmico, imprimendone la funzionalità nella memoria dell'analista.
Sottotitolati Cinema 1 e Cinema 2, i libri in questione sono i superbi saggi di Gilles Deleuze: Immagine-Movimento e Immagine-Tempo.
Sublimi.



ho iniziato ieri sera Immagine-movimento e devo ammettere che non si preannuncia una lettura semplice.
già il primo capitolo, se letto attentamente, porta via un paio d'ore.
bisognerebbe prima rispolverare almeno Bergson

_________________
perchè l'italiano è sempre quello che va piano quando vede la macchina della polizia e appena passata corre oltre il limite.

[anthares]

  Visualizza il profilo di Hawke84  Invia un messaggio privato a Hawke84  Vai al sito web di Hawke84    Rispondi riportando il messaggio originario
Tristam
ex "mattia"

Reg.: 15 Apr 2002
Messaggi: 10671
Da: genova (GE)
Inviato: 07-05-2005 13:01  
per carità! lascia stare Bergson. ormai è passato e artificioso... meglio come lo ricorda Deleuze...
piuttosto tieni duro e continua nella lettura... certi capitoli nemmeno hanno molto senso però superati quelli ti ritrovi nello spazio aperto del cinema. è una bella sensazione.
_________________
"C'è una sola cosa che prendo sul serio qui, e cioè l'impegno che ho dato a xxxxxxxx e a cercare di farlo nel miglior modo possibile"

  Visualizza il profilo di Tristam  Invia un messaggio privato a Tristam  Vai al sito web di Tristam    Rispondi riportando il messaggio originario
Marienbad

Reg.: 17 Set 2004
Messaggi: 15904
Da: Genova (GE)
Inviato: 07-05-2005 22:08  
quote:
In data 2005-05-07 12:13, Hawke84 scrive:
quote:
In data 2004-06-15 19:10, ZoraDomina scrive:
Personalmente consiglierei due libri fondamentali per appesantire il vostro bagaglio culturale, due testi che comunque premetto andrebbero letti con molta calma, molta attenzione e soprattutto, in un momento del percorso di studio del cinema già inoltrato.
Tali testi infatti, possono diventare un ottimo supporto alla memoria tecnica, poichè, seguendo una traccia schematica di quello che è il linguaggio cinematografico, raccordano la fisicità delle nozioni filmiche, con una discussione teorica che si fonde con l'ispezione filosofica.
I testi in questione sono dunque utili ad ampliare lo spettro di percezione del linguaggio filmico, imprimendone la funzionalità nella memoria dell'analista.
Sottotitolati Cinema 1 e Cinema 2, i libri in questione sono i superbi saggi di Gilles Deleuze: Immagine-Movimento e Immagine-Tempo.
Sublimi.



ho iniziato ieri sera Immagine-movimento e devo ammettere che non si preannuncia una lettura semplice.
già il primo capitolo, se letto attentamente, porta via un paio d'ore.
bisognerebbe prima rispolverare almeno Bergson





Quando lo lessi io, andai a rispolverare Bergson, e in effetti non mi fu molto d'aiuto; anche perchè Deleuze si riferisce a concetti specifici della filosofia bergsoniana e li tratta in maniera distaccata e personale.
Andare a ricercare certe piccolezze ti farebbe perdere il tempo e il filo della lettura.
Procedi con calma e rileggi più volte le parti apparentemente criptiche, e vedrai che comprenderai comunque ciò che Gilles intende dire.
Ne caso, mi citi le pagine e le parti e ne discutiamo, dato che ai tempi, con grande sforzo, mi parve di comprenderlo bene.

  Visualizza il profilo di Marienbad  Invia un messaggio privato a Marienbad     Rispondi riportando il messaggio originario
sandrix81

Reg.: 20 Feb 2004
Messaggi: 29115
Da: San Giovanni Teatino (CH)
Inviato: 13-10-2005 20:48  
mi sento di consigliare un libro che sto finendo proprio ora.
Il libro è L'occhio del regista - Visioni di cinema di venti registi contemporanei di Laurent Tirard, edito dalla BUR nella collana Holden Maps.
Si tratta di venti lezioni di cinema, ossia il risultato di venti interviste di Tirard ad altrettanti registi di fama internazionale (Boorman, Pollack, Sautet, Allen, Bertolucci, Scorsese, Wenders, Almodovar, Burton, Lynch, Cronenberg, Jeunet, Stone, Woo, f.lli Coen, Kitano, Kusturica, Von Trier, Kar Wai, Godard), interviste strutturate tutte in ugual modo e indirizzate a comprendere i metodi di lavoro e le decisioni che prendono i venti registi durante il loro lavoro.
Il libro è interessante dunque in primo luogo perché a parlare sono i registi, in secondo luogo perché le domande sono abbastanza tecniche (com dirige gli attori, come usa la mdp, come si impara a dirigere,...).
Ci si rende conto che spesso le preoccupazioni e le cause che stanno dietro le scelte sono molto più "semplici", pratiche, basilari di come a volte si sia portati a pensare. E allo stesso tempo si comprende di più il modo di lavorare - e, quindi, il modo di prendere decisioni - di venti grandi (vabbè, non tutti grandi...) registi di oggi (o dell'immediato ieri).

Il testo è questo:
http://www.blackmailmag.com/laurent_tirard_l_occhio_del_regista.htm

_________________
Non vorrei mai appartenere ad un forum che accettasse tra i suoi moderatori uno come me.

[ Questo messaggio è stato modificato da: sandrix81 il 13-10-2005 alle 20:51 ]

  Visualizza il profilo di sandrix81  Invia un messaggio privato a sandrix81  Vai al sito web di sandrix81    Rispondi riportando il messaggio originario
Hawke84

Reg.: 08 Giu 2004
Messaggi: 5586
Da: Cavarzere (VE)
Inviato: 15-10-2005 19:28  
è da un sacco di tempo che lo vedo alla feltrinelli ma mi mancano sempre i soldi...
_________________
perchè l'italiano è sempre quello che va piano quando vede la macchina della polizia e appena passata corre oltre il limite.

[anthares]

  Visualizza il profilo di Hawke84  Invia un messaggio privato a Hawke84  Vai al sito web di Hawke84    Rispondi riportando il messaggio originario
Richmondo

Reg.: 04 Feb 2008
Messaggi: 2533
Da: Genova (GE)
Inviato: 17-10-2008 16:30  
Io consiglio vivamente anche Semiotica del cinema, di J. M. Lotman, che ho da poco finito di leggere.

_________________
E' meglio essere belli che essere buoni. Ma è meglio essere buoni che essere brutti.

  Visualizza il profilo di Richmondo  Invia un messaggio privato a Richmondo  Vai al sito web di Richmondo    Rispondi riportando il messaggio originario
Vai alla pagina ( Pagina precedente 1 | 2 | 3 )
  
0.115745 seconds.






© 1999-2020 FilmUP.com S.r.l. Tutti i diritti riservati
FilmUP.com S.r.l. non è responsabile ad alcun titolo dei contenuti dei siti linkati, pubblicati o recensiti.
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Cagliari n.30 del 12/09/2001.
Le nostre Newsletter
Seguici su: